Rassegna del 2 Marzo 2018

ECCO ANCORA UN PROGETTO SULLE DIPENDENZE CHE PUO’ TRARRE IN INGANNO: QUALSIASI QUANTITA’ DI BEVANDA ALCOLICA SI BEVE È UN RISCHIO PER LA SALUTE DELLA PERSONA UMANA, E NON IMPORTA SE LA BEVANDA SIA DI QUALITA’, O SE SI BEVE CONSAPEVOLMENTE!

 

http://luccaindiretta.it/versilia/item/113316-parte-da-massarosa-la-lotta-alle-dipendenza-da-gioco-e-alcol.html

Parte da Massarosa la lotta alle dipendenze da gioco e alcol

Venerdì, 02 Marzo 2018 12:38

Parte da Massarossa Generazione Zero Dipendenza, progetto pilota nazionale per la lotta alle dipendenze, in modo particolare ludopatia e uso di alcol già a partire dalla tenera età. Protagonisti dell'iniziativa Sporting Academy Massarosa e Federazione Italiana Barman, con la partecipazione e il sostegno economico di Academy Fib Toscana. Obiettivo del progetto coinvolgere i ragazzi che fanno sport e le loro famiglie per combattere ludopatia e abuso di alcol, a partire da giovanissimi.

Saranno coinvolti i baby calciatori delle categorie dal 2012 al 2001, quindi da 6 anni a 17 con campagne pubblicitarie mirate allo stadio comunale di Massarosa, incontri periodici con le famiglie, curati da esperti di Fib ed Asl, ed eventi dedicati. Il progetto pilota in Toscana è pronto ad essere ampliato anche in altre regioni,(*) dove la Federazione Italiana Barman conta Academy impegnate da anni nella formazione seguendo i criteri del bere di qualità e consapevole..(**) Bevo meno bevo meglio è una filosofia che porta automaticamente all'idea Generazione Zero Dipendenza propria di questo nuova progettualità.(***) A firmare l'accordo, sottoscritto in occasione della Tirreno Ct a Carrara Fiere, il vice-presidente di Fib Italia Adriano del Gaizo e il presidente di Sporting Academy Massarosa Roberto Salvetti. “Auspico che anche la Figc possa essere un partner della Federazione italiana Barman in questo impegno per le nuove generazioni – spiega Federico Salvetti, segretario nazionale Fib – oltre che al sostegno che cerchiamo da aziende sensibili a questa tematica che vogliano condividere con noi l'impegno anche economico per portare avanti una sensibilizzazione che se parte dai bambini così piccoli siamo sicuri possa trasformarsi in un cambio di impostazione generazionale. Se formiamo ragazzi consapevoli, così come con Fib formiamo barman qualificati, in futuro si potrà davvero arrivare ad una Generazione Dipendenza Zero”.

 

(*) NOTA: speriamo di no!

 

(**) NOTA: QUESTI SIGNORI INSEGNANO AI NOSTRI BAMBINI A BERE BEVANDE ALCOLICHE!!! Possibile che nessuno si ribelli a queste iniziative di pubblicità ingannevoli e per di più contro la legge 125/2001? Fanno pubblicità alle bevande alcoliche che loro vendono, mascherando il tutto in progetti di prevenzione alla dipendenza!

Ecco cosa dice la legge 125/2001: DISPOSIZIONI SULLA PUBBLICITA' E SUL CONSUMO DELLE BEVANDE ALCOLICHE  E IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Art. 13. (Disposizioni in materia di pubblicità)

comma3. È vietata la pubblicità diretta o indiretta delle bevande alcoliche e superalcoliche nei luoghi frequentati prevalentemente dai minori di 18 anni di età.

 

(***) NOTA: ma chi è l’autore di questa filosofia?

 

NON È UNA TRADUZIONE PERFETTA MA RENDE L’IDEA DELLA PERICOLOSITA’ DEL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE.

E NON PARLA DELL’ALCOL COME SOSTANZA CANCEROGENA!!!

 

http://it.psy.co/lalcol-fa-pi-male-delleroina-o-del-crack.html

L'alcol fa più male dell'eroina o del crack

Abbiamo tutti sentito parlare dei pericoli del "fumo passivo".

Potremmo iniziare a parlare di "abuso di alcol di seconda mano" – il modo in cui chi abusa di alcol abusa del resto di noi.

Secondo un rapporto del 2011 dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, l'uso di alcol provoca oltre il 4% di tutti i decessi in tutto il mondo, più del numero causato da HIV / AIDS, violenza o tubercolosi. È associato alla violenza, alla negligenza e all'abuso dei minori, al crimine, ai giorni di assenza dal lavoro e, naturalmente, agli incidenti stradali. "Eppure, nonostante tutti questi problemi, l'uso dannoso dell'alcool resta una priorità bassa nelle politiche pubbliche, compresa la politica sanitaria", scrivono gli autori. Spendiamo ingenti somme per combattere una guerra contro le droghe illegali e prestiamo poca attenzione all'abuso di un atto legale.

Se non sei convinto che l'abuso di alcol sia un problema globale: quando un altro gruppo di ricercatori ha analizzato l'effetto di 67 fattori di rischio nel 2010 sulla salute in tutto il mondo, il tabacco e l'alcol erano tra i primi tre fattori che causano morte e disabilità.

I drogati si feriscono principalmente; chi abusa di alcool ferisce altre persone. In uno studio che si è concentrato sulla Gran Bretagna, una squadra ha valutato 20 farmaci sul danno che hanno causato all'utente e anche di seconda mano. Il team ha incluso il ruolo di un farmaco nel disgregare le famiglie e i costi delle cure mediche correlate, dei servizi sociali e del carcere. Su una scala di 100 punti, l'alcol ha ottenuto un punteggio di 72, seguito da eroina, a 55, e crack di cocaina a 54. Più di 40 di 72 punti alcolici provenivano da danni ad altri. Per l'eroina e il crack di cocaina, il danno per gli altri è arrivato a circa 20 punti. Il tabacco, con un punteggio di 26, ha ottenuto meno di 10 punti per danneggiare gli altri.

È vero che molte persone che bevono non si mettono nei guai. Circa l'11,5% degli overdrink dei bevitori, riferisce lo studio dell'Organizzazione Mondiale, anche se il binge drinking sta crescendo tra adolescenti e giovani adulti. Bere pesante è in gran parte un problema maschile: gli uomini superano le donne da quattro a uno in episodi settimanali di alcolismo. In tutto il mondo l'alcol è il principale fattore di rischio per la morte nei maschi tra i 15 ei 59 anni, tra cui la morte per ferite, violenze e malattie cardiovascolari. In Russia e nei paesi limitrofi, ogni quinta morte tra gli uomini è causata da un eccessivo consumo.

Negli Stati Uniti, sentiamo parlare molto della guida in stato di ebbrezza, ma meno di come l'alcol si scontra con l'omicidio, la moglie che picchia, la rapina e lo stupro. Il Consiglio nazionale sull'alcolismo e la dipendenza dalle droghe, un gruppo di difesa, riferisce che negli Stati Uniti circa il 40% degli omicidi condannati e il 37% degli stupri sono commessi da persone ubriache e che due terzi delle vittime che sono state attaccate da un partner dicono che l'alcol era coinvolto.

Nell'Australia che beve alcolici, un paese di 21 milioni, un sondaggio scoperto, più di 10 milioni di persone sono state danneggiate dal consumo di uno sconosciuto. Un rapporto su una stagione di Carnevale a Rio de Janeiro, in Brasile, ha rilevato che almeno 16.800 persone "sono state ferite in … lotte di strada, incidenti stradali e incidenti da bere eccessivo".

Ci sono molti modi per limitare il danno e le strategie alcoliche per gli individui a corto di andare a secco. Le persone possono stare lontano da bere giochi, bere solo in determinati giorni o in determinati momenti, bere sempre con un amico, versare le proprie bevande, lasciare le chiavi della propria macchina a casa o darle a un amico che non sta bevendo quando sono al bar. Se hai un record di guida in stato di ebbrezza, vendi la tua auto. La cosa principale è ricordare che sei pienamente responsabile di ciò che accade quando sei intossicato, anche se non riesci a ricordare cosa hai fatto. Se questo suona ingiusto, considera una ragione per non ubriacarsi.

Una versione di questa storia è apparsa su Your Care Everywhere.

 

ANCHE QUESTO È DELLO STESSO SITO E STESSO TRADUTTORE MA È MOLTO SCHIETTO.

 

http://it.psy.co/problemi-di-alcol-dovrebbero-prendere-in-considerazione-le-donne.html

Problemi di alcol che dovrebbero prendere in considerazione le donne.

Aprile è il mese della consapevolezza dell'alcol. Questo è un momento eccellente per conversare con amici, parenti e professionisti medici sul bere e sul suo impatto sulle nostre vite. Diversi problemi sono specificamente legati alle donne e al bere. Questi sono particolarmente importanti per noi di cui parlare. Questi problemi includono ma non sono limitati a: gravidanza e crescita dei figli, malattie del fegato, violenza sessuale e infezioni trasmesse sessualmente.

Le donne devono considerare se sono incinte o potrebbero diventarlo prima di bere anche un bicchiere di vino e sicuramente prima di abbuffarsi con l'alcol. I rischi per un nascituro sono enormi e possono influire su di loro per tutta la vita. Disturbi dello spettro alcolico fetale sono evitabili al 100% dalle madri che si astengono dall'alcol. Nessuna quantità di bere è sicura durante la gravidanza. Dal momento che molte gravidanze non sono pianificate, bere in qualsiasi momento in cui potresti rimanere incinta crea un rischio per il tuo bambino non ancora nato.

Le malattie epatiche correlate all'alcol sono più elevate nelle donne rispetto agli uomini. Le donne sono anche a maggior rischio di danni al cuore dopo aver bevuto. A causa delle differenze nella conservazione del grasso, nei processi biochimici, nel metabolismo e in altri fattori, le donne dovrebbero aspettarsi più conseguenze mediche dal bere rispetto ai loro amici maschi.

Ecco alcuni fatti su cui riflettere:

  • Dopo aver bevuto quantità uguali, le donne tendono ad assorbire più alcol quando bevono e impiegano più tempo a scomporle e rimuoverle dai loro corpi rispetto alle loro controparti maschili. Queste differenze sono causate da differenze nella composizione corporea e nella chimica tra uomini e donne. Anche quando bevono la stessa quantità di alcol, le donne tendono ad avere livelli più alti di alcol nel sangue rispetto agli uomini, e gli effetti immediati della menomazione si verificano più rapidamente e durano più a lungo.
  • L'alcol tende a lasciare il corpo a un ritmo più lento nelle donne che assumono pillole anticoncezionali rispetto a quelle che non lo fanno. Il risultato può essere una maggiore compromissione dell'alcool nelle donne che assumono pillole anticoncezionali.
  • Binge drinking è un fattore di rischio per l'aggressione sessuale, specialmente tra le giovani donne nelle strutture universitarie. Il rischio di stupro o violenza sessuale aumenta quando sia l'autore che la vittima hanno usato l'alcol prima dell'attacco.
  • Binge drinking aumenta il rischio di cancro al seno, malattie cardiache e ictus, che sono le principali cause di morte nelle donne.
  • Le donne che binge drink hanno più probabilità di avere rapporti sessuali non protetti e partner sessuali multipli, il che può aumentare il rischio di contrarre l'HIV e altre infezioni sessualmente trasmissibili (IST).

I bevitori femminili sono diversi in altri modi dagli uomini. Le donne con i bambini possono spesso sentirsi riluttanti a chiedere aiuto con un problema di alcol per paura di perdere la custodia dei loro figli o il senso di vergogna. Le donne più anziane di età compresa tra i 55 ei 64 anni hanno più probabilità di bere a casa, evitando di bere in pubblico, e quindi non sono così visibili agli amici e alla comunità come potrebbero esserlo altri bevitori; i loro problemi potrebbero non essere rilevati. Le donne anziane sono a rischio per molte conseguenze legate alla salute, in parte perché tendono a bere più delle donne più giovani.

Gli studi hanno indicato che le donne con problemi di alcolismo tendono a usare l'alcol per auto-medicare traumi emotivi, depressione e ansia. Quando si usano in questo modo, si bevono composti il problema del disturbo psicologico originale.

È importante informare le donne di tutto il mondo su fatti e informazioni specifici sul sesso relativi all'uso di alcol. Condividi con altri che questo è il mese della consapevolezza dell'alcol e inizia una conversazione che può condurre a una vita sana ed equilibrata.

 

IL LAVORO DELLE FORZE DELL’ORDINE

 

http://www.pisatoday.it/cronaca/chiuso-minimarket-centro-controlli-municipale-pisa-febbraio-2018.html

Controlli e mala-movida: multe e chiuso per 7 giorni un minimarket

Verifiche in vari campi della Polizia Municipale, fra sanzioni agli esercizi che vendono alcol fuori dagli orari consentiti, controlli su strada e misure per il decoro urbano

Redazione

02 marzo 2018 12:20

La Polizia Municipale nella scorsa settimana ha eseguito, come di consueto, una serie di controlli per il rispetto delle regole nel commercio. Sono stati 8 i sequestri di merce in vendita abusivamente nella zona di piazza dei Miracoli, mentre le verifiche serali e notturne in zona stazione e nel centro storico, per il rispetto dell'ordinanza anti-malamovida, hanno portato a: 3 multe da 100 euro a minimarket, colti in flagrante mentre vendevano alcol tra le 20 e le 24 e 2 multe da 6.667 euro ad altri due minimarket che vendevano alcool dopo le 24. Per uno di essi è stata disposta la chiusura per 7 giorni.

L'azione degli agenti ha poi riguardato la tutela del decoro urbano: 32 manifesti abusivi rimossi e 2 multe da 400 euro, più 4 multe da 500 euro per abbandono di rifiuti, di cui una a carico degli occupanti di un camper in sosta vicino a via Paparelli.

Sono state poi 2 le multe da 185 euro, più pagamento del ticket maggiorato, ad altrettanti bus che cercavano di scaricare i turisti senza utilizzare il parcheggio previsto di via Pietrasantina.

Per il rispetto del codice della strada 6 auto ed un motociclo sono stati sequestrati perché trovati senza assicurazione. In sette giorni sono state 335 le multe per il mancato rispetto del codice, tra queste 36 grazie allo strumento dello street control, 49 a veicoli che sono entrati in ZTL contromano per evitare i varchi elettronici, 24 multe per sosta su marciapiedi o su poste ciclabili o ancora su spazi riservati a portatori di handicap senza averne l'autorizzazione.

Disposto infine un provvedimento di allontanamento in centro per accattonaggio molesto.

 

CONSEGUENZE DEL CONSUMO DI VINO, BIRRA ED ALTRI ALCOLICI

 

http://www.ladige.it/news/cronaca/2018/03/02/colpito-furgone-era-piedi-tangenziale

Colpito da un furgone, era a piedi in tangenziale

Ven, 02/03/2018 - 07:27

Ritrovarsi con una mano rotta al pronto soccorso può essere un piccolo miracolo. Soprattutto se si è rischiato di essere investiti da un furgone.

Deve ringraziare il cielo l'uomo di 53 anni che - senza rendersene ben conto, dato lo stato di alterazione - stava camminando nel mezzo di una corsia della tangenziale nel cuore della notte e che, grazie ai pronti riflessi di un automobilista, è solamente stato sfiorato dal mezzo in transito. Gli stessi soccorritori sono rimasti increduli di fronte alla dinamica dell'accaduto. 

L'investimento è avvenuto pochi minuti prima delle 3, nella notte tra mercoledì e giovedì. Il conducente di un furgone Mercedes, al lavoro per conto di una ditta, stava percorrendo la tangenziale ovest in direzione sud quando all'altezza dell'ex Crm (ora Centro integrato) si è trovato di fronte la sagoma di un uomo, in mezzo alla strada.

L'automobilista ha subito frenato, cercando di evitare la persona. C'è riuscito solo in parte: lo specchietto laterale del mezzo ha colpito il pedone alla mano. Sono stati chiamati i soccorsi. In tangenziale si sono portati l'ambulanza, la volante della questura ed i vigili del fuoco permanenti di Trento, che si sono occupati della parziale chiusura della tangenziale: a quell'ora il traffico è quasi inesistente, ma era necessario mettere i soccorritori nelle condizioni di lavorare in sicurezza. 

L'uomo ferito, nato in Germania, è stato trasportato all'ospedale di Trento, medicato e trattenuto in osservazione breve. All'arrivo dei soccorritori era confuso, non solo per lo shock dell'incidente: l'uomo, secondo quanto emerso dagli accertamenti, aveva esagerato con l'alcol. Dato lo stato di ebbrezza, non si sarebbe dunque reso conto di trovarsi lungo una strada a scorrimento veloce dove è vietato l'attraversamento pedonale.

Nel pomeriggio è stato dimesso dal Santa Chiara, con una prognosi di trenta giorni: una guarigione lenta, ma si tratta pur sempre di un lieto fine, per un incidente dalla dinamica paurosa.

 

https://www.riviera24.it/2018/03/imperia-operata-nella-notte-la-giovane-accoltellata-dal-fidanzato-279497/

Imperia, operata nella notte la giovane accoltellata dal fidanzato

Ferito anche il ragazzo: la 19enne ha provato a difendersi

di Alice Spagnolo - 02 marzo 2018

Imperia. Una ragazza di 19 anni, V.D., è stata gravemente ferita al braccio destro dal fidanzato che l’ha accoltellata al culmine di una lite. E’ successo nella tarda serata di ieri in via Doria.

Stando a quanto ricostruito fino ad ora, i due fidanzati erano in preda ai fumi dell’alcol, quando il ragazzo ha afferrato un coltello e colpito al braccio la giovane donna, provocandole una profonda ferita che le ha in parte lesionato un’arteria. La 19enne è stata soccorsa da un equipaggio della Croce d’Oro di Imperia e dal personale sanitario del 118 e poi trasportata in codice rosso di massima gravità all’ospedale di Imperia. Nella notte i medici l’hanno sottoposta ad un delicato intervento chirurgico.

Ferito alle mani anche il fidanzato: la ragazza ha infatti provato a difendersi dalla sua violenza.

Nell’abitazione della coppia è sopraggiunta anche una pattuglia dei carabinieri di Imperia: i militari stanno ricostruendo quando accaduto in via Doria. Il giovane è stato a lungo interrogato dai carabinieri, ma nei suoi confronti al momento non è ancora stato adottato alcun provvedimento: bisognerà infatti attendere la prognosi della giovane compagna e la sua eventuale denuncia nei confronti del fidanzato.

 

http://www.monzatoday.it/cronaca/urbiaco-rissa-bar-cesano-maderno.html

Ubriaco al bar inscena una rissa, picchia i carabinieri e i soccorsi del 118: arrestato

Per calmarlo è stato necessario immobilizzarlo con dello spray urticante

Redazione MonzaToday

02 marzo 2018 14:52

Soccorso dopo aver esagerato con l'alcol, un 40enne di Seveso ha aggredito anche i medici del 118, senza capire che volevano aiutarlo. Mercoledì scorso il titolare di un pub di Cesano Maderno aveva chiamato i carabinieri: quell’uomo in preda all’alcol aveva inscenato una rissa con altri avventori, dentro il locale.

 

Quando i militari sono arrivati, il 40enne ha messo le mani addosso anche agli uomini in divisa. Per riuscire a calmarlo, all’arrivo in caserma, i carabinieri della Tenenza di Cesano Maderno sono stati costretti a bloccarlo con dello spray urticante: una sostanza che crea difficoltà respiratorie e fa diminuire la vista. E’ stato arrestato per rissa, lesioni, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

 

PRESENTAZIONE DI UNO STUDIO A LIVELLO EUROPEO SULLE TECNICHE DI PROMOZIONE DELLA SALUTE

 

http://www.newsbiella.it/2018/03/02/leggi-notizia/argomenti/eventi-5/articolo/modificare-gli-stili-di-vita-scorretti-presentazione-a-citta-studi-degli-esiti-dello-studio-intern.html

Modificare gli stili di vita scorretti, presentazione a Città Studi degli esiti dello studio internazionale

venerdì 02 marzo 2018, 08:30

Sabato 10 Marzo 2018 – a partire dalle 9.30 - in città Studi a Biella ci sarà una conferenza per la presentazione dei risultati finali del progetto Emp-H Empowering Hospital. Uno studio cofinanziato dall’Unione Europea - attraverso il programma HEALTH 2014/2020 - che vede l’Italia, con l’ASL di Biella capofila e il coinvolgimento dell’Università del Piemonte Orientale, in una partnership di respiro internazionale in cui sono protagonisti anche l’Ospedale La Fè di Valencia – Spagna, l’Università di Dublino - Irlanda, la Lithuanian Sclerosis Multiple Union – Lituania.

Il progetto, cofinanziato dall’Unione Europea attraverso il programma HEALTH 2014/2020", punta a sperimentare a livello ospedaliero tecniche di promozione della salute basate sull’evidenza, integrandole tra loro in modo da ottenere piani personalizzati per singoli pazienti che accedono in ospedale a seguito di malattie cronico degenerative, in particolare diabete, malattie cardio circolatorie e tumori.

In occasione della conferenza finale saranno presenti vari relatori Guest Speakers, tra i quali la Prof.ssa Roberta Siliquini - Presidente del Consiglio Superiore di Sanità, il dott. Giovanni Nicoletti, Responsabile del National Focal Point EU Health Programme del Ministero della Sanità, il Prof. Bernardo Valdivieso - Planning Director dell'Ospedale La Fe di Valencia; l'Assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Antonio Saitta. Con un audio messaggio a cura del Commissario Europeo alla Salute e Sicurezza Alimentare, Vytenis Andriukaitis. Modificare gli stili di vita di persone adulte non è facile ed è necessario guidare i pazienti in un percorso il più possibile personalizzato, introducendo le azioni necessarie al cambiamento. Quello attuato è un progetto di integrazione, in cui le azioni di promozione della salute sono state coordinate in maniera interdisciplinare.

Saranno, dunque, presentati in tale occasione gli esiti di quello che è stato un osservatorio privilegiato sullo stile di vita e sui comportamenti a rischio rispetto al fumo, alimentazione scorretta, alcol, e sedentarietà. Il convegno, patrocinato anche da Federsanità Anci Piemonte è rivolto a tutte le professioni sanitarie ed è accreditato ECM. Per i professionisti sanitari e i dipendenti delle aziende sanitarie è attiva la modalità di iscrizione on line sul portale regionale per la Formazione Continua in sanità: www.ecmpiemonte.it ( codice filtro n. 29247).

Per gli studenti del corso di laurea in infermieristica sede di Biella (max 30 posti), seguire le indicazioni dei propri referenti. Per tutti gli altri inviare il proprio nominativo, la professione o qualifica e l’ente o associazione di appartenenza all’indirizzo email: francesca.menegon@aslbi.piemonte.it  

 

GUIDA IN STATO DI EBBREZZA

 

http://www.newsbiella.it/2018/03/01/leggi-notizia/argomenti/cronaca-5/articolo/finisce-contro-un-palo-nel-canavese-biellese-denunciato-per-guida-in-stato-di-ebbrezza.html

Finisce contro un palo nel Canavese, biellese denunciato per guida in stato di ebbrezza

giovedì 01 marzo 2018, 12:08

Si è messo alla guida con troppo alcol in corpo e, durante il viaggio, ha perso il controllo della sua auto finendo contro un palo. L’episodio è accaduto intorno alle 2 dello scorso 20 febbraio a Feletto Canavese, in provincia di Torino. Protagonista un uomo di 59 anni residente a Biella, che nell’impatto è rimasto ferito ed è stato trasportato in Ospedale per le cure del caso. Sulle cause del sinistro hanno indagato i Carabinieri del nucleo radiomobile di Ivrea, che ieri hanno deferito l’uomo per guida in stato di ebbrezza.

 

http://www.padovaoggi.it/cronaca/incidente-stradale/incidente-ubriaco-polverara-1-marzo-2018.html

Fuori strada con la macchina: era ubriaco al volante, senza assicurazione e revisione

1 marzo 2018

Nei guai un uomo di Vigonza, protagonista di un incidente autonomo nella notte di mercoledì. L'uscita di strada è stata probabilmente dovuta a qualche bicchiere di troppo

Redazione

Un 36enne di Vigonza è uscito autonomamente di strada con la sua Volkswager Polo a Polverara, nella zona di porta San Lorenzo all'incrocio con via Isola dell'Abbà. L'incidente è stato probabilmente causato da una distrazione o da un colpo di sonno dell'uomo, che è poi risultato positivo all'alcoltest con 1,29 grammi di alcol per litro di sangue, più del doppio degli 0,5 g/l consentiti. Oltre alla guida in stato di ebbrezza, dai controlli successivi è emerso che l'automobile viaggiava senza revisione e senza assicurazione.

 

SETTIMANA NAZIONALE PER LA PREVENZIONE ONCOLOGICA

 

https://quibrianzanews.com/settimana-della-prevenzione-controlli-la-lega-tumori/

Settimana della prevenzione: controlli con la Lega tumori

1 marzo 2018

Settimana della prevenzione oncologica: al via i controlli

MONZA – Prevenzione e corretti stili di vita: queste le parole d’ordine per combattere il cancro. In occasione della 17esima edizione della Settimana nazionale per la prevenzione oncologica – che si svolgerà dal 17 al 25 marzo – la Lega italiana lotta ai tumori delle province di Milano e Monza, promuove una serie di visite gratuite aperte alla cittadinanza. Numeri alla mano, secondo i dati del Rapporto Aiom/Airtum in Italia nel 2017 sono circa mille le persone che ogni giorno ricevono la diagnosi di tumore.

Certo, il corretto di stile aiuta: bando quindi a fumo, alcol, dieta squilibrata e vita sedentaria.

Nel frattempo per coloro che non si sono mai sottoposti a una visita di prevenzione la Settimana nazionale per la prevenzione oncologica può essere una buona occasione per prendersi a cuore la propria salute.

Ecco tutti gli ambulatori dove sarà possibile farsi controllare: il 23 marzo ad Abbiategrasso (alll’hospice in via De Mille 8/10) dalle 14 alle 17 visite senologiche e dermatologiche; a Concorezzo (via Santa Marta 18) dalle 9.30 alle 12.30 (visite senologiche); il 24 marzo a Sesto San Giovanni (via Fratelli Cairoli 76) dalle 9.30 alle 12.30 visite senologiche e consulenze alimentari e dalle 14 alle 17 visite senologiche e urologiche; a Monza (via San Gottardo 36) dalle 9.30 alle 12.30 visite senologiche e dermatologiche e dalle 14 alle 17 visiste senologiche e consulenze alimentari; a Cernusco sul Naviglio (via Fatebenefratelli 7) dalle 9.30 alle 12.30 consulenze alimentari e dalle 14 alle 17 visite senologiche; e a Novate Milanese (via Manzoni 8) dalle 9.30 alle 12.30 visite dermatologiche e dalle 14 alle 17 visite senologiche.

La Lega italiana lotta contro ai tumori di Milano sarà anche in piazza per promuovere gli stili di vita salutari: a Milano in piazza Argentina sabato 17 e domenica 18 marzo, dalle 10 alle 18, con uno stand per dare informazioni e offrire le shopper della salute con gli alimenti tipici della Dieta mediterranea, riconosciuta dall’Unesco nel 2010 Patrimonio dell’umanità: olio extravergine di oliva, pasta e passata di pomodoro.(*)

Durante la Settimana saranno inoltre organizzate varie iniziative di sensibilizzazione. Il 19 marzo, dalle 16 alle 17.30, è in programma da Eataly Smeraldo a Milano un seminario gratuito sul cibo, e in particolare sull’utilizzo dell’olio extravergine d’oliva. Sempre da Eataly, giovedì 22 marzo, dalle 19 alle 22, si potrà partecipare, dietro contributo, a un corso di cucina a base di frutta e verdura. Il ricavato sarà devoluto alla Lega italiana lotta ai tumori.

Tutti i dettagli sul sito www.legatumori.mi.it

 

 

(*) NOTA: con soddisfazione noto che non ci sono alcolici!!!

A cura di Alessandro Sbarbada, Guido Dellagiacoma, Roberto Argenta

All'interno della Rassegna Stampa vengono pubblicati gli articoli di altre testate giornalistiche complete di eventuali nomi propri di persone coinvolte nei fatti.,pertanto chiunque voglia cancellare il proprio nome da un articolo pubblicato potrà farlo semplicemente mandando una mail a info@acatversilia.org indicando il proprio nome e l'indirizzo dell'articolo in questione