Rassegna del 25 Aprile 2017

GAZZETTA DI MODENA ORIGINALE INIZIATIVA DI SOCIALIZZAZIONE  Piazza Grande, in fila per un... abbraccio «Abbracci gratis». Si leggeva questa scritta, ieri pomeriggio, ai piedi di un ragazzo bendato, di nome Ciro, in piazza. Aspettava che qualcuno si avvicinasse e lo stringesse a sé. Dopo i primi timidi abbracci, in tanti si sono avvicinati al giovane, appunto, per abbracciarlo. Tra i presenti, c’è stato anche chi dopo una prima stretta, ne ha data un’altra e un’altra ancora. Il semplice gesto di abbracciare uno sconosciuto è stato virale e in poco tempo si è formata la fila per abbracciare Ciro. C’erano ragazze e ragazzi giovani, mamme con bambini a seguito e addirittura qualche anziano. Gli “affettuosi” modenesi non sapevano, però, che ci sarebbe stata una sorpresa in seguito all’abbraccio. Quale? La vincita di un ticket per la consumazione, di un bicchiere di vino o di thè, utilizzabile durante la prossima edizione della Lambruscolonga (*), prevista per venerdì 5 maggio. Come nasce l’iniziativa “Abbracci gratis”? «Innanzitutto, ritengo che sia splendido il gesto di abbracciare uno sconosciuto perché si riesce a esprimere affetto, senza lasciarsi condizionare dalla persona che si ha di fronte», ha risposto Alessio Bardelli, ideatore dell’evento e organizzatore della Lambruscolonga. «Inoltre, è un’iniziativa che mancava a Modena - ha aggiunto Bardelli - mentre, in altre città del mondo è presente da tempo». Non a caso, i primi ad abbracciare Ciro, sono stati proprio dei ragazzi stranieri. Tra questi abbiamo incontrato Rauf originario dell’Azerbaigian, in città per incontrare dei coetanei modenesi conosciuti Erasmus in Germania, e Brian, originario di Londra, ma in vacanza nel nostro Paese con la famiglia. (m.s.)