Rassegna del 16 Agosto 2016

A cura di Alessandro Sbarbada, Guido Dellagiacoma, Roberto Argenta

UMBRIA24

Ferragosto, alcol e droga lungo le strade: otto denunciati, in un caso tasso sette volte oltre limite

Controlli intensificati da parte dei carabinieri durante gli ultimi giorni nel Tuderte nell'Altotevere. In tre si rifiutano di sottoporsi al test

16 agosto 2016 - Troppo alcol e in alcuni casi anche droga per alcuni automobilisti ai quali non è bastato il cocomero per festeggiare il Ferragosto. Sono otto le persone che sono finite tra le maglie dei controlli dei carabinieri di Todi che, come i colleghi del resto della regione, in occasione di questi giorni di festa e vacanze hanno intensificato il monitoraggio del territorio. Cinque automobilisti, tra i 61 e i 18 anni e residenti a Torgiano, Perugia, Gualdo Cattaneo e San Venanzo, sono stati denunciati perché sorpresi alla guida dopo aver bevuto troppo; in un caso addirittura il tasso alcolemico rilevato dalle analisi è stato pari al 3,38 grammi per litro di sangue, dunque ben oltre il limite minimo di 0,5, mentre in un altro di 2,21 grammi per litro.

Controlli Altre tre sono state denunciate perché, nonostante presentassero i sintomi dell’assunzione di droghe, si sono rifiutate di sottoporsi al test. Una pregiudicata di 24 anni invece, residente a Perugia, è stata sorpresa nel territorio del comune di Marsciano nonostante non potesse farvi rientro e così, anche in questo caso, è scattata la denuncia. Quattro infine le persone segnalate alla prefettura perché trovate con addosso alcuni grammi di hashish e marijuana. I controlli da parte dei militari nel corso dell’ultimo fine settimana sono stati intensificati anche a Città di Castello: più pattuglie hanno tenuto sotto osservazione i parchi pubblici, molto frequentati in questi giorni di festa, e le strade; in quest’ultimo caso sono state fatte solo alcune contravvenzioni per eccesso di velocità e documenti non in regola.

LA NUOVA RIVIERA

Notte di Ferragosto carica di ubriachi. Dei ragazzi si feriscono con le bottiglie rotte

Di Redazione -

SAN BENEDETTO DEL TRONTO, agosto 15, 2016 – Presidio fisso della polizia municipale sul ponte dell’Albula sul lungomare, polizia stradale e carabinieri di pattuglia tra centro e lungomare. Nonostante tutto si sono visti tanti ubriachi in giro per la città, tanto che in due occasioni, entrambe sul lungomare, le ambulanze sono dovute intervenire per dei malori probabilmente legati all’abuso di alcol.

Dei ragazzi, poco prima dell’alba, si sono inoltre feriti con delle bottiglie rotte lasciate da qualcuno in spiaggia poco prima. Per le vie del centro si sono sentiti i soliti schiamazzi e si è assistito alle solite scene. Non si sarebbero però, nel complesso, registrati particolari episodi di “movida violenta”.

CORRIERE DELLA SERA

Serata superalcolica sui Navigli, ragazzina 16enne in coma etilico

La minorenne era in compagnia di amici, che quando l’hanno vista accasciarsi priva di sensi hanno chiamato i suoi genitori. Ha rischiato la vita: salva grazie alla corsa al pronto soccorso in codice rosso

di Giovanna Maria Fagnani 

16 agosto 2016 Ha rischiato di morire a 16 anni, il giorno di Ferragosto, per aver esagerato con l’alcol. Una leggerezza che poteva costare carissima alla minorenne, cittadina italiana nata da genitori originari delle Mauritius, ricoverata in codice rosso nella notte fra lunedì e martedì all’ospedale San Paolo. L’adolescente, che aveva assunto alcolici fino a accusare un forte malore, è giunta al pronto soccorso di via Antonio di Rudinì all’1.30, accompagnata da un’ambulanza della Croce Verde. Nella notte è stata sottoposta alle terapie del caso e ora è fuori pericolo: i medici hanno deciso di trattenerla in osservazione, ma contano di dimetterla a breve. Accanto al suo letto, in reparto, ci sono i suoi genitori che l’hanno vegliata tutta la notte. Sull’episodio indagano i carabinieri di Corsico. 

Secondo le prime indagini, la ragazza, che vive nell’hinterland, aveva passato la serata insieme a un gruppo di amici sui Navigli a Milano. All’una di notte, stava tornando a casa a piedi con loro sull’alzaia del Naviglio Grande. Non è insolito che le compagnie di adolescenti vadano a piedi a Milano, perché Corsico confina con la metropoli e il quartiere dei Navigli dista circa 4 chilometri. Per percorrerli, i ragazzi utilizzano la pista ciclabile che costeggia il Naviglio sul lato sinistro. 

Il malore Di ritorno dalla serata, giunta all’altezza del parco di via Elsa Morante, a Corsico, la giovane ha cominciato a sentirsi male, tanto che i suoi amici hanno deciso di chiamare i genitori e di dare l’allarme al 118. All’arrivo dei soccorritori la giovane era in stato di forte alterazione della coscienza e presentava i primi sintomi del coma etilico, una condizione che, soprattutto nel caso degli adolescenti, può portare a conseguenze gravissime e perfino alla morte. Da qui la decisione di portarla immediatamente al San Paolo: uno scampato pericolo su cui la giovane e i suoi genitori avranno modo di meditare. 

RAVENNA24ORE

Controlli di Ferragosto, patenti ritirate per alcol alla guida

Fuga goffa a piedi per un 60enne che si è rifiutato di sottoporsi all'etilometro 

16 agosto 2016 - I Carabinieri della Compagnia di Ravenna sono stati impegnati in numerosi servizi per il week end di Ferragosto; su tutto il litorale i militari, hanno proceduto a numerosi controlli sia per quanto riguarda il consumo di alcol che per quanto concerna l’utilizzo di stupefacenti. I risultati conseguiti hanno permesso di festeggiare senza particolari incidenti o turbative.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno letteralmente setacciato i veicoli in transito, sventando eventuali situazioni di pericolo; è il caso ad esempio di una livornese di soli 22 anni, sorpresa alla guida con un tasso alcolemico di 1,81 g/l, alla quale è stata ritirata la patente di guida. Stesso provvedimento, con sequestro amministrativo del veicolo, per un lughese 36enne, residente a Budrio (Bo), che guidava con un tasso di alcol nel sangue, di poco inferiore ai 2 gr per litro. 

C’è stato poi chi si è rifiutato di sottoporsi all’alcol test, come un 60enne di Belluno, che consapevole di aver esagerato con l’alcol, alla vista dei militari ha fatto rapidamente inversione di marcia; i Carabinieri lo hanno inseguito e dopo un apparente ravvedimento, l’uomo ha tentato la fuga a piedi, con esiti quasi comici dato il palese stato di ebbrezza. E’ stato denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale, gli è stata ritirata la patente ed il veicolo sottoposto a sequestro amministrativo. Un’altra vettura è stata intercettata, mentre procedeva sulla via 56 martiri, dopo essere stata segnalata da alcuni cittadini: il veicolo sbandava vistosamente, tanto che anche la “gazzella”, ha dovuto procedere con cautela al controllo per evitare danni all’autoradio. A bordo una donna tedesca classe’75 che si è rifiutata di sottoporsi al test dell’etilometro. Anche a lei i Carabinieri hanno ritirato la patente e sequestrato del veicolo.

Per un caso simile sono intervenuti i militari della stazione di Lido Adriano: una donna 38enne si era messa al volante in condizioni di ubriachezza tali che non si era resa conto di come la sua vettura, nel procedere sulla strada, stesse in realtà collidendo con tutte le fiancate dei veicoli parcheggiati. Quando sono intervenuti i militari la donna aveva già provocato numerosi danni e per di più si è rifiutata di sottoporsi all’alcol test; tale facoltà, prevista e legittima, ha però come conseguenza l’immediato ritiro della patente ed il sequestro amministrativo del veicolo.

Oltre agli appena citati interventi dei militari per l’alcol, comunque numerosi seppur gli altri meno clamorosi, numerose sono state le segnalazioni per consumo personale di droga o addirittura in un caso le indagini immediatamente scaturite da un controllo, hanno portato al rinvenimento di una piantagione di marijuana.

La stazione Carabinieri di Via Alberoni ha denunciato un rumeno di 20 anni, senza fissa dimora, che era solito spacciare hashish nella zona dei giardini Speyer: veniva infatti indicato, dopo aver fermato alcuni assuntori che si stavano dirigendo sul litorale per fare serata, come uno dei pusher attivi nel fine settimana in zona stazione ferroviaria.

Ad Alfonsine invece, i militari del locale Comando, dopo aver proceduto al controllo di alcuni giovani su loro stessa indicazione, veniva individuata una piccola piantagione di marijuana in un campo agricolo, già estirpata e poggiata sul terreno.

Curioso un fatto accaduto a Marina Romea, dove in un parco, un venezuelano 52enne sorpreso dai Carabinieri a fumare uno spinello di hashish, ha tentato inizialmente di convincere i militari che non fosse a conoscenza del fatto che quella droga in Italia fosse illegale; in realtà si è poi accertato che l’uomo dimora ormai stabilmente nel ravennate e dunque non si trattasse di un semplice turista. Dalla perquisizione a casa è stata rinvenuta un’altra dose della stessa sostanza; l’uomo è stato segnalato alla Prefettura come assuntore, per tutte le sanzioni previste dal caso.

GIORNALE DEL CILENTO

Ferragosto in Cilento, droga e alcol alla guida: oltre 30 persone nei guai

Luigi Martino 

16 agosto 2016 - I carabinieri della compagnia di Sapri, agli ordini del capitano Michele Zitiello, hanno denunciato un minore, fermato a Villammare, frazione di Vibonati, perchè trovato dai militari in possesso di oltre 10 grammi di hashish. La droga era destinata ad attività di spaccio al dettaglio. L’operazione è stata portata a termine dalle forze dell’ordine della locale stazione. I controlli dei carabinieri si sono estesi anche a garantire il rispetto della sicurezza sulle strade, infatti la stazione di Sapri unitamente al personale dell’aliquota radiomobile ha proceduto al deferimento di due giovani, uno residente a Sanza e un altro turista proveniente da Livorno, fermati alla guida in stato di ebbrezza, con tasso alcolico superiore a 1,00 g/l, e sotto l’effetto di sostanza stupefacente. Nel complesso i carabinieri durante il servizio coordinato hanno segnalato, ex art 75, 15 giovani all’organo prefettizio poiché trovati in possesso di modiche quantità per uso personale di hashish e cocaina. Invece sono state ritirate complessivamente cinque patenti per importanti violazioni al codice della strada e 8 autovetture sequestrate poiché non coperte da assicurazione.

ADNKRONOS

Chiavari, stasera c’è il Carnevale d’agosto. Ordinanze su alcol e viabilità

16 agosto 2016 - In occasione del Carnevale d’agosto in programma stasera sul lungomare di Chiavari, il sindaco Roberto Levaggi ha firmato due ordinanze su alcol e viabilità nella zona della passeggiata a mare

In occasione del Carnevale d’agosto in programma stasera sul lungomare di Chiavari, il sindaco Roberto Levaggi ha firmato due ordinanze su alcol e viabilità. Dalle 18 di oggi fino alle 6 di domani mattina nel tratti di lungomare compreso tra via dei Velieri e piazza Leonardi, a mare rispetto alla linea ferroviaria, è vietato a chiunque il consumo di bevande di qualsiasi natura, alcooliche o meno, in contenitori in vetro. L’ordinanza esclude la somministrazione di bevande all’interno dei pubblici esercizi. A partire dalla mezzanotte è vietata in tutta l’area la vendita e la somministrazione di bevande alcoliche di gradazione superiore ai 12 gradi. I trasgressori saranno puniti con ammende da 25 a 500 euro. Sosta con rimozione forzata dei veicoli dalle 8 di questa mattina a fine manifestazione in corso Valparaiso tra i civici 7 e 17; a ponente del civico 25 e per trenta metri a ponente di piazza Milano. Ciò per consentire la sistemazione delle postazioni. Sempre oggi dalle 17 e fino al termine della manifestazione, è vietata la sosta e dalle 18 è interdetta la circolazione veicolare a tutte le categorie in corso Valparaiso tra le piazze Gagliardo e Leonardi. L’accesso al garage Cattaneo è consentito da piazza Leonardi. E’ sospeso lo spazzamento meccanizzato.

LIGURIANOTIZIE

Carabiniere morsicato da 47enne in preda all’alcol e stupefacenti

SAVONA. 16 AGO. Una donna è stata trovata ad Albenga nei pressi del Centa per terra in preda all’alcol e sostanze stupefacenti.

Sul posto, avvertiti, sono giunti i sanitari della Croce Bianca. Da subito si sono accorti che la donna, una 47enne residente in zona, era aggressiva e hanno chiesto l’intervento dei carabinieri.

Giunti sul posto, un maresciallo è stato aggredito a morsi e a pugni dalla donna e ha dovuto ricorrere all’ospedale per farsi medicare.

La donna già nota alle forze dell’ordine è stata arrestata con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale e violenza.