Rassegna del 13 Aprile 2016

A cura di Alessandro Sbarbada, Guido Dellagiacoma, Roberto Argenta

 

AGENPARL

Roma, presentata la Amway Appia Run 2016

Roma 12 aprile 2016 – Si è svolta questa mattina nella Amway Business Center la conferenza stampa di presentazione della Amway Appia Run 2016, quest’anno in programma domenica 17 aprile, con partenza alle 9.30, sulle distanze classiche dei 13 e 4 km. Ideata da Roberto De Benedittis ed organizzata dall’ACSI Nazionale con il supporto tecnico dell’ACSI Italia Atletica e dell’ACSI Campidoglio Palatino,  Amway Appia Run 2016 gode dei patrocini del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore della Sanità, del CONI, della Fidal, di Roma Capitale, della Regione Lazio, del Parco Regionale dell’Appia Antica, della Soprintendenza speciale dell’Appia Antica. Quest’anno la Amway Appia Run 2016, ormai storica corsa podistica della Capitale, giunge all’edizione numero 18  e diventa maggiorenne. Un traguardo importante per una gara che anche con questa edizione, oltre alla sua valenza sportiva di innegabile spessore,  porta avanti un messaggio importante rivolto ai giovani, grazie alla collaborazione con il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità. Si tratta dell’Alcohol Prevention Race, una campagna di prevenzione sui rischi legati al consumo di bevande alcoliche tra i giovani. La celebre gara che si snoda sull’Appia Antica, quest’anno potrà contare su una giornata di vigilia particolarmente emozionante. Sabato 16 aprile, all’interno dello Stadio delle Terme di Caracalla, sarà allestito l’Amway Village, all’interno del quale si svolgerà anche un happening dedicato al fitness con sessioni di lezioni di Yoga, GAG, MAT Pilates, Step, Zumba, mentre domenica mattina sarà la volta di Impacto Training con Fabio Inka. Non solo corsa e fitness ma anche tanta solidarietà con l’Associazione “Ridere per Vivere”, i Dottori Clown che grazie alla loro opera danno il sorriso ai bambini malati in molti ospedali di tutta Italia e che saranno presenti nella due giorni per far ridere e divertire tutti i partecipanti.

Queste alcune dichiarazioni rilasciate dai protagonisti:

ROBERTO DEL BENEDITTIS – presidente Acsi Italia Atletica: «AMWAY APPIA RUN è ormai entrata nella tradizione delle corse su strada, non è stato semplice arrivare alla diciottesima edizione ma è una grande soddisfazione sapere che arriveranno runners  da tutto il mondo: Inghilterra, Francia, Germania, dagli Stati Unite e addirittura uno dalla Cina (viene apposta non è un cinese che abita a Roma) per correre sulla strada che rappresenta la storia di Roma. E con orgoglio rivendichiamo anche il primato di essere l’unica gara in Europa, probabilmente al mondo, che si corre su 5 superfici diverse: asfalto, sampietrino, basolato lavico, sterrato e la pista dello stadio Nando Martellini».

MAURO SOFFIENTINI – responsabile relazioni esterne Amway Italia: «Siamo orgogliosi di essere vicino alla AMWAY APPIAN RUN in un anno così importante per una manifestazione che rispecchia perfettamente la filosofia di AMWAY –NUTRILITE, divertirsi con uno stile di vita attivo e attento alla nutrizione».

RICCARDO VIOLA – presidente Coni Lazio: «Solo il nome APPIA rappresenta quel valore aggiunto che tutto il mondo ci invidia. Roma è una città che offre opportunità incredibili come questa ecco perché ho invitato a correre i ragazzi dei centri di accoglienza che hanno partecipato alla stracittadina della Maratona di Roma e che all’Amway Appia Run avranno l’opportunità di gareggiare nella competitiva».

EMANUELE SCAFATO – dir. Osservatorio nazionale alcol Istituto Superiore Sanità – «Esiste un problema legato all’alcolismo giovanile e AMWAY APPIA RUN ci permette ancora una volta di promuovere la nostra campagna contro il consumo giovanile di alcol che sempre più spesso porta ad episodi di violenza inaudita. ALCOL & SPORT non vanno mai d’accordo, chi fa sport per stare in forma sa che il consumo di alcol non aiuterà mai le prestazioni. In una città come Roma che offre tanto, grazie ad AMWAY APPIA RUN portiamo avanti un’iniziativa che vuole recuperare uno di quei valori che ci stanno a cuore: correre tutti assieme all’aria aperta all’insegna della buona salute».

 

GIORNALE DI PUGLIA

"Alcol, se lo conosci lo eviti": a Bari progetto dei Gruppi di volontariato vincenziano

BARI - Alcol, se lo conosci lo eviti. L’alcol è la prima sostanza psicoattiva con cui si entra in contatto nel corso della vita  anche perché  è socialmente accettata e pubblicizzata  e i  ragazzi già a 10,11 anni incominciano  a consumare bevande alcoliche.

Evidenze scientifiche dimostrano al contrario che l’alcol ha effetti estremamente dannosi sulla salute  e sui comportamenti in modo particolare  sugli adolescenti  Questa consapevolezza rende urgenza educativa  fornire ai ragazzi in fase di costruzione della propria identità gli strumenti per conoscere la sostanza alcol e per assumere un atteggiamento critico nei confronti delle bevande alcoliche e de i rischi che derivano dall’uso della stessa.

I GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO di Bari - spiegano in una nota - si sono resi quindi promotori,  con la collaborazione di ACAT BARI NUOVA (Associazione Club Alcologici territoriali) e S.I.A (Società Italiana  di Alcologia) e con il finanziamento della FONDAZIONE MEGAMARK, di un corso di sensibilizzazione  per uno stile di vita sobrio rivolto a 50 alunni delle seconde medie dell’Istituto Comprensivo G.Garibaldi-G.Pascoli sito nel quartiere Libertà.

Il giorno 16 Aprile 2016 dalle ore 9,30 alle ore 13  presso il Fortino S.Antonio,Lungomare Imperatore Traiano (di fronte al molo S.Antonio) si svolgerà la giornata conclusiva del progetto.

E’ nostro desiderio informare  le autorità religiose e politiche, la società civile del progetto Alcol, se lo conosci lo eviti, ma soprattutto   concludere con il  riconoscimento concreto  dell’impegno dei ragazzi, della scuola che ci ha ospitato e della  Fondazione Megamark che ci ha finanziato, conclude la nota.

 

ALESSANDRIAMAGAZINE

Oltre 18 mila studenti, 1000 classi, 50 scuole della provincia coinvolti nel progetto ‘Creativamente senza alcool’

Presso la sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria è stata presentata ufficialmente al pubblico la 10° edizione di ‘Creativamente senza alcool’, il progetto contro l’alcolismo giovanile promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e dai Club Lions della provincia, in collaborazione con l’Azienda Sanitaria Locale di Alessandria – Dipartimento di Patologia delle Dipendenze - e l’Ufficio Scolastico Territoriale di Alessandria.

L’iniziativa, che è rivolta agli studenti della seconda classe delle Scuole Secondarie di primo grado  del capoluogo e dei sei centri zona della provincia di Alessandria, ha coinvolto, anche quest’anno, un numero particolarmente significativo di partecipanti: 34 scuole hanno dato adesione al progetto e 91 classi hanno partecipato per un totale di 1.840 alunni.

Nell’arco dei dieci anni di impegno, si calcola che oltre 18.000 studenti abbiano seguito il programma di lezioni tenuto dagli esperti del Dipartimento di Patologia delle Dipendenze dell’ASL AL, con l’intervento di un professionista del settore – di norma uno psicologo.

Si tratta di dati che confermano la validità e l’attualità di un progetto che riveste grande rilievo sia sotto il profilo educativo che sotto quello sociale. Secondo la recente analisi condotta dal Ministero della Salute emerge, infatti, che è diminuita la mortalità legata alle patologie connesse all'uso di alcol, ma tra i giovani il consumo resta ancora alto. In particolare, ciò che preoccupa è la pratica che si diffonde sempre di più tra i giovani di consumare bevande alcoliche in grande quantità, in breve tempo, fuori pasto.

L’impegno richiesto agli studenti che partecipano al progetto consiste nella ideazione di slogan, disegni e/o audiovisivi incentrati sul tema dei pericoli connessi all’abuso di alcol tra i giovani. Una giuria di esperti esamina gli elaborati e premia quelli ritenuti più significativi.

La cerimonia di premiazione si svolgerà mercoledì 20 aprile prossimo, con inizio alle ore 10 presso il Teatro Alessandrino, via Verdi, Alessandria.

“Creativamente senza alcol – ha ricordato il Presidente della Fondazione, Pier Angelo Taverna – è un progetto di notevole rilievo educativo, finalizzato alla prevenzione dell’uso di alcol tra i giovanissimi. I risultati conseguiti fino ad oggi sono incoraggianti e ci spingono a proseguire sulla strada intrapresa. Nel giro di pochi anni, con la collaborazione determinante di soggetti pubblici e privati che si sono mostrati sensibili alle problematiche delle nuove generazioni, siamo convinti di aver raggiunto un buon livello di operatività e pensiamo che la nostra realtà provinciale si sia stabilmente posta all’avanguardia in un campo, quello della prevenzione, che rappresenta un ambito di impegno sociale di grande rilievo. Esempio virtuoso mutuato da più parti”.

 

CIAOCOMO.IT

Aumenta l’abuso di alcool tra i giovani, sabato a Como giornata di prevenzione

Dai dati nazionali e locali relativi ai consumi di bevande alcoliche si evidenzia un quadro sui consumi che, pur tendenzialmente in calo negli ultimi dieci anni, è caratterizzato da un’età precoce di assunzione. In più è aggravato anche dall’importazione e diffusione di modelli nord europei, i cosidetti “binge drinking”, abbuffate in cui vengono assunte almeno 5/6 unità alcoliche in un’unica occasione e in poche ore quasi sempre correlati a grandi rischi per la salute, incidentalità stradale e comportamenti violenti. Gli adolescenti che consumano alcolici frequentemente, cioè ogni settimana oppure ogni giorno, sono pari al 4.26% per gli 11enni, 9.53% per i 13enni, 36.33% per i 15enni, con modalità di assunzione spesso “binge drinking”.

“Nonostante il calo sui consumi negli ultimi anni – spiega Raffaella Olandese, responsabile dipartimento dipendenze Ats Insubria – preoccupa invece l’età precoce di assunzione e la diffusione di modelli nord europei”.

Per celebrare l’Alcol Prevention Day, il Comune di Como, d’intesa con l’Ats Insubria – Dipartimento Dipendenze e in collaborazione con il Sert – Asst Lariana e la Cooperativa Lotta contro l’Emarginazione ha programmato diverse iniziative di sensibilizzazione e informazione rivolte alla popolazione e in particolare ai giovani. In particolate, sabato 16 aprile dalle 15 alle 18.30, a Como in via Vittorio Emanuele, 98, di fronte all’Informagiovani, saranno allestiti diversi stand e saranno presenti operatori che distribuiranno gadget e materiale informativo specifico per informare sui rischi correlati al consumo di bevande alcoliche. Saranno attive l’area Be Smart con simulatori di guida, l’area Info Point per eliminare dubbi e sfatare false leggende sull’alcol e l’area Video e mini-conferenze gestita dalla Polizia Locale del Comune di Como.

Nel 2015 i Sert della provincia di Como hanno preso in carico 509 pazienti alcoldipendenti, ovvero circa 13 persone ogni 10.000 residenti di 15-64 anni: di questi, 1 su 4 è un nuovo utente. Hanno 46 anni di media, 8 anni in più rispetto all’utenza tossicodipendente, ma fra i nuovi casi il peso delle fasce di età più giovani aumenta. E’ in aumento l’utenza con problemi di alcol in età adolescenziale e di poliabuso (alcol e cocaina, alcol e psicofarmaci). Dal 1 gennaio 2016 al 31 marzo di quest’anno sono giunti 40 nuovi contatti.

“Oltre ai danni a cervello e organi – aggiunge Teresa Parillo, responsabile Sert Asst Lariana – emergono anche patologie psichiatriche che vengono alla luce con il consumo di alcol, così come episodi di violenza e incidenti stradali. Per quanto riguarda la commissione patenti vediamo circa 50 persone a settimana per questo motivo, l’alcol è una droga di passaggio verso altre sostanze”.

Nel 2015, nei contesti di consumo e di divertimento notturno a Como e provincia, l’Unità mobile di riduzione dei rischi del progetto “Party con noi” gestito da Cooperativa lotta contro l’emarginazione e Associazione Comunità Il Gabbiano finanziato da Regione Lombardia, ha contattato più di 4mila giovani fra i 16 e i 35 anni rilevando dati importanti sui consumi di alcol e sostanze: alle misurazioni del tasso alcolemico effettuate alle ragazze e ai ragazzi che spontaneamente si sono sottoposti è emerso che l’alcolemia media è molto al di sopra del limite legale 0,67 e che il 52% dichiara di aver vissuto un episodio di binge drinking nell’ultimo mese; inoltre il 51,1% degli intervistati dichiara di guidare quella sera e di questi il 55,7% risulta essere sopra lo 0,5. Nota positiva: il 69,9% dei guidatori una volta fatto l’alcol test positivo dichiara di cambiare idea e attuare una strategia di riduzione dei rischi: fare guidare qualcun altro, aspettare che l’alcolemia scenda o non guidare.

Servizi di alcologia erogati dai Sert: attualmente l’utenza con problemi di alcol della provincia di Como ed Olgiate afferisce al Sert di Como. Una parte dell’ex utenza di Erba, della provincia di Cantù e Mariano Comense afferisce al Sert di Mariano Comense. Tra le azioni promosse dal servizio, figura anche la sensibilizzazione nei confronti degli automobilisti fermati per guida in stato di ebbrezza.

 

VENETOECONOMIA

Consumo di alcol, il Veneto quarto in Italia

Veneto terra di amanti del vino? Sì, ma nella classifica del consumo di alcol in Italia la regione si piazza “solo” al quarto posto, se consideriamo le persone che hanno bevuto almeno una volta una bevanda alcolica durante l’anno, dunque non approfondisce il risvolto delle quantità. Fra i consumatori abituali, quelli che un bicchiere lo bevono tutti i giorni, il Veneto scivola al sesto posto fra le regioni. Vale la pena scoprire i numeri de L’uso e l’abuso di alcol in Italia, indagine Istat pubblicata oggi sulla base di interviste effettuate nel marzo 2015. (*)

Consumo di alcol: Bolzano in testa

La provincia di Bolzano primeggia con il 72,2% del campione (composto di persone da 11 anni di età in su) che dice di aver consumato almeno una bevanda alcolica durante l’anno. Guardando ai dati delle regioni, invece, è l’Emilia Romagna al primo posto con il 70,2%, seguita dalla Toscana (69,1%), dal Trentino Alto Adige nel suo complesso (69%) e infine il Veneto al quarto posto con il 68,5% di consumatori (almeno) saltuari.

Toscana, maggior consumo di alcol quotidiano

Analizzando il consumo di alcol quotidiano, è il Veneto è al sesto posto. In Toscana il 27,8% degli intervistati afferma di bere alcol tutti i giorni, l’Emilia Romagna è seconda con il 25,9%, l’Umbria è al terzo posto (25,6%). La Valle d’Aosta si classifica al quarto posto con il 25,3% di consumatori quotidiani, le Marche sono al quinto posto (25,2%) e il Veneto ha una quota del 24,8% di consumatori quotidiani di bevande alcoliche. Meno di un quarto degli abitanti del Veneto, secondo la ricerca Istat, beve tutti i giorni un bicchiere di vino, di birra o un superalcolico. Un dato che fa guardare in modo diverso agli stereotipi che riguardano la regione.

 

(*) Nota: il Veneto è la regione dove la diffusione dei Club Alcologici Territoriali ha avuto un’ampia e prolungata diffusione. E anche per questo che la sobrietà è cresciuta maggiormente che in altre regioni.

 

IL TIRRENO

Alcol, il 17% dei pistoiesi sono consumatori a rischio

PISTOIA. Promosso dalle Associazioni di volontariato Acat e Solidarietà e rinnovamento, in collaborazione con l’Asl e e organizzato dal Punto Unico (che raggruppa associazioni di volontariato), oggi...

PISTOIA. Promosso dalle Associazioni di volontariato Acat e Solidarietà e rinnovamento, in collaborazione con l’Asl e e organizzato dal Punto Unico (che raggruppa associazioni di volontariato), oggi dalle 9 alle 13 si svolgerà un incontro aperto alla cittadinanza su "Salute mentale e alcol".

L'incontro si svolgerà nella sede del Punto Unico, al piano terra dell’ospedale San Jacopo di Pistoia. Interverranno, insieme al responsabile del Sert di Pistoia, il dottor Fabrizio Fagni, la responsabile dell’équipe alcologica Graziella Soluri e la psichiatra del centro di salute mentale Chiara Traverso.

Porteranno il loro contributo la responsabile e la psicologa del Centro alcologico regionale, Valentina Patussi e Tiziana Fanucchi. Modererà la volontaria Isa Vannucchi.

L'anno scorso il Sert ha seguito 360 pazienti che presentavano una problematica di dipendenza da alcol. L'intervento è a carattere multidisciplinare ed è quindi integrato tra il medico, lo psicologo e, se necessario, viene attivato anche il servizio sociale. All'occorrenza viene fornito anche un sostegno alla famiglia.

Il Sert collabora con l’Acat e con l’Associazione alcolisti anonimi e organizza periodici incontri di educazione alcologica a carattere preventivo e di sensibilizzazione. Nelle situazioni più complicate sono possibili inserimenti in strutture residenziali.

«L'alcol – spiega l’Asl – ha assunto un'importanza sempre maggiore soprattutto per le conseguenze che l'uso eccessivo di bevande alcoliche può avere sui consumatori (e sui giovani in particolare), tanto da rappresentare un grave pericolo per la salute individuale e collettiva. Il consumo di bevande alcoliche è responsabile o aumenta il rischio dell'insorgenza di numerose patologie: cirrosi epatica, pancreatite, tumori, epilessia, disfunzioni sessuali, demenza, ansia e depressione. L'alcol è, inoltre, responsabile di molti danni indiretti (i cosiddetti danni alcol-correlati) quali: comportamenti sessuali a rischio, incidenti stradali, infortuni sul lavoro e episodi di violenza».

Secondo un’indagine a campione, in Toscana quasi il 17% degli intervistati può essere ritenuto un consumatore a rischio. Nella provincia pistoiese i bevitori a rischio sono del tutto in linea con la media regionale nel sesso maschile, mentre la percentuale relativa alle femmine è superiore.

 

NEWSRIMINI.IT

ALCOL E MINORI NEL COMITATO ORDINE E SICUREZZA. A RIMINI IN ARRIVO ORDINANZA

Si è svolta oggi una seduta del Comitato provinciale Ordine e Sicurezza, presieduto dal Prefetto Peg Strano Materia,  cui hanno preso parte per il Comune di Rimini l’Assessore Sadegholvaad, i vertici delle Forze dell’Ordine ed i rappresentanti delle Associazioni di categoria del commercio e dei pubblici esercizi.

Tema della seduta, il confronto sulle azioni intraprese e da intraprendere nell’ambito dell’attività di prevenzione e contrasto alla vendita di alcool ai minori.

Il Prefetto – si legge nel resoconto – ha preliminarmente rilevato come il fenomeno dell’abbassamento della fascia di età in cui viene assunto l’alcool sia innanzitutto di natura educativa e tale da dover indurre ad una attenta riflessione in merito tutta la società, a partire dalle famiglie e dalla scuola.

Nel mirino in particolare alcune tipologie di esercizi commerciali: il Prefetto ha richiamato l’attenzione sulla necessità di adottare iniziative di contrasto alla vendita di alcool ai minori, ritenendo tutt’altro che ineluttabile l’estendersi del fenomeno.

Le Associazioni di categoria presenti (Confcommercio e Fipe) hanno assicurato che avvieranno a breve una campagna di sensibilizzazione presso i propri associati ribadendo l’obbligo di verificare sempre ed in ogni circostanza l’età dell’acquirente mediante l’esibizione del documento di identità – richiesta che non comporta alcuna violazione della privacy ma che è finalizzata alla protezione dei soggetti vulnerabili quali sono i minori. In caso di mancata adesione alla richiesta, deve esserci il rifiuto della vendita di bevande alcoliche. (*)

Le forze di polizia, con il concorso della polizia locale, attueranno un’intensificazione di specifici servizi ed una mirata attività.

Anche per i profili connessi alle modalità e alle abilitazioni commerciali, il Comune di Rimini sta elaborando un’apposita Ordinanza di imminente emissione sindacale che si propone espressamente l’obiettivo di arginare il fenomeno della vendita di alcool ai minorenni.

 

Nota: esiste una chiara norma del codice penale che proibisce la vendita di alcolici ai minori. A chi la viola fanno somministrate delle sanzioni, non delle campagne di sensibilizzazione.

 

REPUBBLICA.IT

Omicidio stradale, convalidato l'arresto per il guidatore ubriaco finito contro il muro a Barge

Il gip del tribunale di Cuneo ha convalidato l’arresto per Ruslan Stirbu, 42 anni, moldavo, residente a Barge, nel Cuneese, accusato di omicidio stradale per aver causato l’incidente in cui è morta la moglie Natalia Stirbu, 41 anni. Il giudice però ha deciso di applicare come misura cautelare l’obbligo di dimora nel comune di Barge con la facoltà di andare a Revello, dove lavora come operaio e nello studio del suo avvocato Giancarlo Bovetti a Mondovì. Su istanza del legale gli sarà anche concesso di far visita alla salma della moglie morta che si trova nelle camere mortuarie dell’ospedale di Saluzzo.

L’incidente sabato scorso. Stirbu che viaggia con la moglie e i loro due bambini di 8 e 9 anni, era ubriaco e ha perso il controllo della sua Rav 4 andando a sbattere contro un muro. La donna è morta sul colpo. Illesi i bambini e il conducente. I carabinieri di Saluzzo hanno trovato nel sangue dell’uomo un tasso alcolico tre volte superiore al consentito, una percentuale che con le nuove norme sull’omicidio stradale prevedono l’arresto e una condanna da 8 a 12 anni.

E' il primo arresto per omicidio stradale in Piemonte.“Questo è il frutto di una legge fatta con la pancia e non con la testa -  commenta Bovetti - Si voleva dare una tutela alle vittime degli incidenti stradali ma non si  è pensato che qualche volta quelli che si ritengono essere carnefici sono vittime esse stesse. Il mio cliente pagherà per tutta la vita il fatto

di trovarsi solo con due figli piccoli senza la moglie e in più deve ancora subire un processo penale con pene elevatissime. Stirbu - dice il legale - è un uomo distrutto che si è reso conto di avere una vita davanti ma di avere una vita rovinata. Ora deve pensare ai suoi figli”.

Stirbu e la moglie vivevano a Barge da anni. In tanti li conoscevano e oggi gli amici hanno lanciato anche una sottoscrizione per raccogliere del denaro e sostenere la famiglia.

 

LADIGE.IT

Ubriaco va a fare un esposto Denunciato e auto confiscata

Voleva far valere le proprie ragioni (presunte, ovviamente) ma ha commesso l'imperdonabile leggerezza di capitare nel momento sbagliato nel posto sbagliato considerate le sue condizioni psico-fisiche. Risultato, il suo esposto è rimasto lettera morta e lui in compenso si è beccato una denuncia penale per «guida in stato di ebbrezza» oltre alla confisca del proprio mezzo di trasporto.

Rasenta il ridicolo quanto accaduto ieri mattina al commissariato di via Brione a Riva dove ad un certo punto neppure gli agenti della Polizia di Stato potevano credere ai loro occhi. Tutto ha inizio di buon'ora, saranno sì e no le otto quando un cittadino rivano di 48 anni, piccolo imprenditore, si presenta chiedendo informazioni su come presentare in quella sede un esposto-denuncia a carico di un distributore di carburanti. Oggetto delle sue attenzioni è la qualità del carburante venduto da quel distributore in particolare, a parer suo di tutt'altro che eccelsa qualità. Nell'ufficio preposto di via Brione gli chiedono però di ripassare di lì a breve visto che in quel momento tutti gli agenti sono impegnati in altri compiti. Il signore in questione non si scompone, saluta e se ne va.

Trascorrono un paio d'ore e poco dopo le dieci l'uomo si ripresenta alla portineria del commissariato ribadendo la sua richiesta. Come abbia trascorso il lasso di tempo tra la prima e la seconda visita, gli agenti di Polizia lo intuiscono abbastanza facilmente notando lo sguardo spento e gli occhi arrossati dell'uomo. «Meglio controllare» pensano i poliziotti. Ed ecco allora che il piccolo imprenditore viene fatto accomodare in un altro ufficio e sottoposto all'alcoltest. La prima verifica dà un riscontro di 2 grammi su litro (ovvero quattro volte il limite di legge); il secondo scende di pochissimo (1,8) nonostante gli agenti attendano qualche minuto in più oltre il periodo di intervallo tra il primo e il secondo test come indicato dalla normativa. È la prova provata che il soggetto è in evidente stato di alterazione dovuta ad un uso eccessivo di alcol.

A quel punto altro che esposto-denuncia per la qualità del carburante! In men che non si dica l'uomo passa dalla parte di un (presunto) torto subito e quindi di vittima a quella di indagato per un reato penale. E si becca la denuncia per «guida in stato di ebbrezza» (della quale dovrà rispondere davanti a un giudice) oltre alla confisca del proprio mezzo di trasporto.

 

FANPAGE.IT

Ubriaco alla guida? In Thailandia ti mandano all’obitorio per punizione

Lavoro obbligatorio nelle camere mortuarie per chi viene trovato in stato di ebbrezza al volante. La decisione è stata annunciata direttamente dall'autorità di Bangkok. La Thailandia ha il secondo più alto tasso di morti per incidenti sulla strada al mondo.

13 APRILE 2016 - L’idea è sicuramente particolare: spedire ai servizi sociali negli obitori chi verrà sorpreso al volante in stato di ebbrezza, con l’obiettivo di contrastare l'alto tasso di incidenti stradali. L’annuncio arriva direttamente dalle autorità di Bangkok alla vigilia della settimana di vacanza per il capodanno thailandese, che ogni anno fa centinaia di vittime sulle strade. Nei "sette giorni di pericolo" che coincidono con la festività del Songkran, oltre due persone perdano la vita e altre 160 rimangano ferite ogni in incidenti stradali. In tal senso va ricordato che la Thailandia ha il secondo più alto tasso di morti sulla strada al mondo (dietro solo alla Namibia), con 44 vittime ogni 100mila abitanti, contro una media mondiale di 18.

Il provvedimento già approvata la scorsa settimana e ribadito ieri da Anurak Amornpetchsathaporn, direttore dei servizi di emergenza all'Ufficio della Sanità pubblica, che ha spiegato come i guidatori spericolati in obitorio "dovrebbero vedere i veri danni fisici e mentali", in modo da "sentire il dolore e schiarirsi le idee”.  In altre parole la strategia del governo ha l’obiettivo di fungere da vuole deterrente psicologico: chi vede da vicino le conseguenze di questo comportamento estremamente pericoloso dovrebbe essere portato a riflettere sulle conseguenze del mettersi al volante dopo aver bevuto.