Rassegna del 31 Marzo 2016

A cura di Alessandro Sbarbada, Guido Dellagiacoma, Roberto Argenta

  E’ STATO DIMOSTRATO CHE L’ALCOL CONTENUTO NEL VINO, NELLA BIRRA E NELLE ALTRE BEVANDE ALCOLICHE ATTIVA UN GENE CHE CAUSA IL TUMORE

 http://www.cufrad.it/news.php?id_news=24028&dataMail=20160330 

UNIVERSITÀ DI HOUSTON: TUMORE DEL SENO, ECCO PERCHÉ GLI ALCOLICI AUMENTANO IL RISCHIO

Fonte: notiziemediche.it

Tumore del seno, ecco perché gli alcolici aumentano il rischio

Un gruppo di scienziati dell’Università di Houston, negli Stati Uniti, ha scoperto un nesso importante fra l’alcol e il tumore del seno, grazie all’identificazione di un gene che causa il tumore, attivato proprio dall’alcol stesso.

Il consumo di alcolici, spiega il coordinatore della ricerca Chin-Yo Lin, è noto per essere un fattore di rischio per il tumore del seno: «La nostra ricerca dimostra che l’alcol coadiuva l’azione degli estrogeni nella crescita tumorale e diminuisce gli effetti del Tamoxifen, un farmaco oncologico, aumentando i livelli dell’oncogene BRAF».

Si stima che, sia in Europa che negli Stati Uniti, decine di migliaia di casi di tumore al seno ogni anno sono attribuibili al consumo di bevande alcoliche, attività che è inoltre associata a recidive della malattia nelle donne con un tumore del seno nei primi stadi.

Obiettivo dello studio era determinare come l’alcol agisca sul comportamento degli estrogeni nelle cellule tumorali del seno.

I ricercatori hanno scoperto non solo che l’alcol aumenta la proliferazione del tumore indotta dagli estrogeni, ma anche una connessione diretta fra il consumo di alcol, gli estrogeni e il gene BRAF, noto per promuovere la crescita cellulare nel tumore.

L’alcol promuove insomma l’espressione del gene in questione, persino in assenza di estrogeni: di fatto, mima o migliora gli effetti degli estrogeni nell’aumentare il rischio di tumore. L’altra scoperta chiave riguarda il Tamoxifen, la cui capacità di sopprimere la crescita rapida del tumore viene indebolita dall’alcol.

Lin e colleghi ipotizzano che l’esposizione all’alcol possa influenzare determinati meccanismi cellulari e molecolari legati al tumore. I ricercatori spiegano che i risultati del loro studio gettano nuova luce non solo sull’influenza dell’alcol nel tumore del seno, ma più in generale sul rapporto fra alcol, genetica e processi molecolari del tumore.

Fine ultimo del lavoro è usare questi dati come strumento di prevenzione, ma Lin afferma che i risultati di questo lavoro hanno ripercussioni anche per le donne in menopausa sotto terapia ormonale sostitutiva, poiché l’alcol può influenzare l’azione degli ormoni assunti per gestire i sintomi.

 (...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

https://notiziemediche.it/tumore-del-seno/tumore-del-seno-ecco-perche-gli-alcolici-aumentano-il-rischio /

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)

 IL VINO, LA BIRRA E LE ALTRE BEVANDE ALCOLICHE SONO FATTORI DI RISCHIO PER IL CANCRO AL CAVO ORALE

 http://www.cufrad.it/news.php?id_news=24023&dataMail=20160330 

FUMO, ALCOL E DIAGNOSI PRECOCE: PREVENIRE IL TUMORE ALLA GOLA

Fonte: contattolab.it

30.3.16

Il cancro al cavo orale o alla gola è sempre troppo sottovalutato, invece solo in Italia rappresenta il quinto tumore più frequente in assoluto. Fumo, alcol, Papillomavirus e cattiva igiene orale possono provocare l’insorgenza di tumori del cavo orale.

Prevenirli, tuttavia, è possibile; dopo il successo della prima Giornata di Prevenzione del 2015, AOOI ripropone l’iniziativa che ha consentito a migliaia di utenti l’accesso ad uno screening con gli specialisti dei reparti di otorinolaringoiatria delle strutture aderenti. La mattina del 1° aprile 2016, quindi, gli ambulatori dei reparti riapriranno gratuitamente al pubblico su tutto il territorio italiano.

L’Associazione Otorinolaringologi Ospedalieri Italiani (AOOI) nasce nel 1947, dall’esigenza di tutelare e promuovere la cultura e la professionalità di questa complessa specialità della medicina.

Insieme all’Associazione Universitaria degli Otorinolaringologi (AUORL), costituisce la Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-facciale (SIO e ChCF), a sua volta fondata nel lontano 1891.

Il carcinoma del cavo orale

Il cavo orale comprende lingua, gengive, guance, pavimento ovvero la parte inferiore della bocca, palato e labbra. Tumefazioni ed escrescenze, lesioni bianche o rossastre e ferite che non si rimarginano spontaneamente possono essere la manifestazione di lesioni pre-tumorali o, peggio, tumorali. L’incidenza in Italia è abbastanza alta: dai 4 ai 12 nuovi casi per anno ogni 100.000 abitanti, in base ai fattori di rischio prevalenti nelle varie aree geografiche.

I fattori di rischio

Il vizio del fumo, l’abuso di alcol, la scarsa igiene orale, l’infezione da Papillomavirus legata ai rapporti sessuali orali, il Lichen ruber planus, i microtraumi cronici della mucosa della bocca dovuti alle protesi dentarie, l’eccessiva esposizione al sole e una dieta povera di frutta e verdura sono i fattori di rischio che possono provocare l’insorgenza di questo tipo di tumori.

 (...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

http://www.contattolab.it/tumori-del-cavo-orale-attenzione-al-sesso-orale-il-1-aprile-screening-gratuiti/ 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)

  IL VINO, LA BIRRA E LE ALTRE BEVANDE ALCOLICHE MODIFICANO IL FUNZIONAMENTO DEL NOSTRO CERVELLO ALLENTANDO I FRENI INIBITORI.

 https://www.facebook.com/ Emanuele Scafato(*)

1 h · Roma, Italia · 

VINO, BIRRA, SUPERALCOLICI E SESSO

Chi beve lo sa ... se non si è presenti a se stessi perché l'alcol ha abbassato la percezione dei rischi che si agiscono sotto gli effetti psicoattivi della sostanza il "piacere" del bere può comportare anche le "sorprese" di infezioni contratte nel corso di un momento neppure memorizzato e di cui non si ricorda proprio nulla ... l'abbiamo verificato anche a Roma nelle scuole superiori di un intero Municipio e la sorpresa è stata agghiacciante ... l'incapacità dichiarata di riconoscere il rischio della trasmissione di malattie sessualmente trasmesse perché ubriache è stata riportata dal 50 % delle studentesse intervistate di età compresa tra i 15 e i 18 anni ... in UK la prima problematica tra le adolescenti è la gravidanza indesiderata insieme ad una lunga serie di malattie sessuali conseguenti a rapporti "consenzienti" se così si possono definire rapporti sessuali consumati nell'assoluto vuoto pneumatico di una sbronza ... ma l'alcol fa di più ... le evidenze scientifiche nella responsabilità di incremento di rischio e d'incidenza di malattie come la tubercolosi e l'AIDS rappresentano la punta dell'iceberg della dimensione alcol e minori di cui troppo poco si parla ... e non fa nessuna differenza bere vino o birra o superalcolici perché quello che conta è la quantità di alcol consumato non la qualità - come alcuni vorrebbero far credere impropriamente - e le conseguenze negative immediate (incidentalità stradale, traumi ecc.) e acute (infezioni genito-urinari da rapporti sessuali non protetti) che accompagnano l'intossicazione alcolica che può essere raggiunta dai giovani anche con quantità moderate di alcol ... Scegliere di non bere è la scelta migliore per prevenire il cancro, afferma il Codice Europeo contro il Cancro, e sottrarsi agli effetti negativi conseguenti all'abbassamento della percezione del rischio da parte dei giovani è una indicazione di buon senso che non può non rappresentare ili messaggio chiave da fornire ai giovani ...(**)

 (*) dott. Emanuele Scafato

Dottore in Medicina e Chirurgia, Gastroenterologo, Epidemiologo 

Direttore del Reparto Salute della Popolazione e suoi Determinati, CNESPS 

Direttore del WHO Collaborating Centre for Research and Healt Promotion on Alcohol and Alcohol-Related Health Problems,CNESPS 

Direttore dell’Osservatorio Nazionale Alcol, CNESPS 

Professore di Epidemiologia e Statistica, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Firenze 

Presidente SIA 

Direttore Centro Organizzazione Mondiale della Sanità per la Promozione della Salute e la Ricerca sull'Alcol e sulle Problematiche Alcolcorrelate presso Istituto superiore di sanità. 

Primo Ricercatore Direttore Osservatorio nazionale Alcol-CNESPS.

 (**)NOTA: …e meno giovani!!!

 IL RISULTATO DI UNA RICERCA: 

SE UN INDIVIDUO FUMA E’ PIU’ FACILE CHE BEVA E VICEVERSA

 http://www.cufrad.it/news.php?id_news=24022&dataMail=20160330 

UNIVERSITÀ DEL MISSOURI: EFFETTI DELL'INTERAZIONE TRA L'ALCOL E LA NICOTINA

Fonte: ansa.it

Nicotina contrasta sonnolenza alcol, 'vizi' spesso associati

L'85% degli adulti dipendenti da alcolici lo è anche dal fumo

La nicotina annulla gli effetti soporiferi dell'alcol, per questo i due vanno spesso a braccetto, con conseguenti danni per la salute di chi cade in trappola di questo 'circolo vizioso'. Il motivo, scoperto da ricercatori dell'Università del Missouri, mette in luce la ragione per cui il consumo di alcol e l'uso di nicotina sono così strettamente legati, al punto che oltre l'85% degli adulti dipendenti dall'uno, lo è anche dall'altra.

La nuova ricerca, pubblicata sul Journal of Neurochemistry, ha previsto l'applicazione di elettrodi per la registrazione del sonno su cavie a cui erano stati somministrati alcol e nicotina.

I risultati hanno evidenziato che la nicotina agisce attraverso una parte specifica del cervello, il prosencefalo basale, per sopprimere gli effetti soporiferi dell'alcol.

"Uno degli effetti negativi del bere è la sonnolenza", ha detto l'autore principale dello studio, Mahesh Thakkar, professore associato e direttore della ricerca presso il Dipartimento di Neurologia della University of Missouri School of Medicine. "Tuttavia, la nicotina, se usata in combinazione con l'alcol - aggiunge - agisce come uno stimolante per allontanare il sonno. Per questo se un individuo fuma, è molto più probabile che beva, e viceversa. Si nutrono l'un l'altro".

Il fumo è un fattore che notoriamente contribuisce allo sviluppo di alcolismo.

In precedenza era stato dimostrato che i due, se usati in combinazione, aumentano gli effetti collaterali piacevoli attivando una zona del cervello nota come centro di ricompensa, che può portare, a sua volta, a un aumento del consumo di alcol.

 (...omissis...)

copia integrale del testo si può trovare al seguente link:

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/medicina/2015/10/28/nicotina-contrasta-sonnolenza-alcol-vizi-spesso-associati_eb39dd60-0480-4bb2-9e43-5987a1abec74.html 

(Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)

 ANCHE UNA PICCOLA QUANTITA’ DI ALCOL AUMENTA L’EFFETTO DELLA CANNABIS ED IL RISCHIO DI INCIDENTI STRADALI

 http://motherboard.vice.com/it/read/qualsiasi-quantita-di-alcol-aumenta-il-livello-di-thc-nel-sangue 

ANCHE UNA PICCOLA QUANTITÀ DI ALCOL FA AUMENTARE IL THC NEL SANGUE

Di

FEDERICO NEJROTTI

EDITOR

28 May 2015 // 03:56 PM CET

Cannette e birrette. Birrette e cannette. Due parole che, mettile davvero un po' come ti pare, produrranno sempre un risultato positivo. Non riesco a pensare ad altri termini più ingenuamente felici; certo ce ne sono un'altra manciata che non possono che fare bene all'esperienza complessiva, ma anche riducendo il tutto ai minimi termini non se ne può uscire delusi.

C'è solo un modo per alzare l'asticella. Dirvi che uno studio ha dimostrato che ingerire una qualsiasi quantità di alcol aumenta il livello di THC nel sangue. Più bevi, più sei fatto. Se è un sogno non svegliatemi. Nessuno sta parlando di litrate da coma etilico, si vuole più evidenziare il fatto che l'accoppiata birrette e cannette non è solo piacevole per i propri apparati sensoriali, ma anche per l'effetto stupefacente della cannabis.

Dall'American Association for Clinical Chemistry arriva questo abstract, "Cannabis e alcol sono la combinazione di sostanze più comunemente coinvolta negli incidenti d'auto, e nonostante ciò siamo ancora piuttosto incerti sul come questi due elementi interagiscano tra loro. Uno studio mostra per la prima volta che l'uso simultaneo di alcol e cannabis produce una concentrazione nel sangue di principio psicoattivo, il THC, decisamente molto più alta di quando si consuma solamente cannabis."

Su Motherboard avevamo già parlato del fatto che secondo la scienza guidare da fatti sia più sicuro che guidare da sbronzi, ma gli esperti che hanno collaborato allo studio affermano che la combinazione di cannabis e alcol aumenti le probabilità di schianto, superando quelle riscontrate a seguite della singola assunzione dell'una o dell'altra sostanza.

Il Ministero dei Trasporti statunitense ha analizzato 1,882 casi di fatalità a seguito di incidenti su autoveicoli e ha calcolato che, rispetto a delle condizioni normali, guidare da fatti comporta un aumento del rischio dello 0.7 in più, da sbronzi del 7.4 e, infine, da sbronzi e fatti dell'8.4. In buona sostanza, se ci tieni a non vedere tua madre in lacrime davanti al tuo loculo guida da persona perfettamente lucida, ma se proprio la situazione è andata fuori controllo stai lontano dal volante dopo il mix di cannette e birrette. E anche solo birrette. Avvicinati se hai un precedente di sole cannette, ma avvicinati anche in questo caso con estrema attenzione.

La domanda che sicuramente ora ci stiamo ponendo tutti riguarda il metodo utilizzato per condurre questa ricerca. Per fare luce su questo angolo cieco scientifico ci sono solo due modi: uno noioso, e uno divertente. Il primo consiste nel fare controlli incrociati sui referti di ogni incidente, il secondo invece prevede che il team di ricercatori si imbottisca di canne e Super Tennent's e provi in prima persona l'esperienza dell'eventuale schianto.

Hanno scelto una via di mezzo: hanno preso 19 individui adulti e gli hanno fatto bere dei placebo o dei drink a basso contenuto di alcol (con "basso contenuto" si intende un riscontro sull'etilometro di massimo lo 0.065%), questo dieci minuti prima di fargli consumare 500mg di cannabis vaporizzata placebo, a bassa concentrazione (2.9% di THC) o a alta concentrazione (6.7% THC). E infine:

I ricercatori hanno scoperto che senza alcol le concentrazioni medie massime nel sangue per THC a bassa e alta concentrazione erano di 32.7 e 42.2 µg/L THC, rispettivamente, e di 2.8 e 5.0 µg/L 11-OH-THC. Con l'alcol, le concentrazioni medie massime nel sangue per THC a bassa e alta concentrazione erano di 35.3 e 67.5 µg/L THC, e di 3.7 and 6.0 µg/L 11-OH-THC—decisamente più alte di quando non c'era l'alcol in ballo.

"I nostri risultati aiuteranno le interpretazioni forensi dei vari casi e forniranno nuovo materiale per il dibattito legislativo sulla guida in stati alterati," ha detto la principale autrice dello studio, Marilyn A. Huestis del National institute on Drug Abuse di Baltimora.

 INIZIATIVE DI INFORMAZIONE E PREVENZIONE

 http://www.regioni.it/dalleregioni/2016/03/31/salute-concorso-regionale-meno-alcol-piu-gusto-per-migliori-drink-analcolici-sabato-2-lesame-della-giuria-451412/ 

SALUTE: CONCORSO REGIONALE “MENO ALCOL PIU’ GUSTO” PER MIGLIORI DRINK ANALCOLICI– SABATO 2 L’ESAME DELLA GIURIA

giovedì 31 marzo 2016

 “Non esiste un uso sicuro dell’alcol, ma si può bere in modo consapevole e moderato.(*) Passa attraverso un lavoro educativo di rete tra famiglia, scuola, esercenti, mass media, associazioni e luoghi del divertimento, la differenza tra la libertà del gusto e della condivisione e la trappola di una dipendenza”.(**)

E’ quanto afferma l’assessore al sociale e alle politiche giovanili della Regione Veneto chiamata a far parte della giuria di “Meno alcol più gusto”, sesta edizione del concorso promosso dall’Ulss 6 di Vicenza tra le scuole alberghiere per realizzare il miglior drink analcolico, nell’ambito della campagna di prevenzione per un bere semplice consapevole giunta alla quindicesima edizione.

La giurìa, composta da rappresentanti degli esercenti, delle scuole alberghiere e delle istituzioni, si riunisce sabato 2 aprile al Conservatorio musicale “A.Pedrollo” di Vicenza (ore 15) per individuare i migliori futuri barman, cioè gli allievi che proporranno le proposte più accattivanti per drink e coctkail analcolici.

 (*)NOTA: se non esiste un uso sicuro dell’alcol mi spiegate come si può bere in modo consapevole?

(**)NOTA: probabilmente pensano che la dipendenza sia il solo rischio del bere e si dimenticano che il vino, la birra e le altre bevande alcoliche contengo una sostanza chiamata alcol che è un potente cancerogeno che può provocare il cancro anche se bevuto moderatamente e consapevolmente! 

 LUNEDÌ 4 APRILE IN SALONE CONSILIARE L'INIZIATIVA PROMOSSA DA COMUNE DI PRATO E ASL TOSCANA CENTRO

 http://comunicati.comune.prato.it/generali/?action=dettaglio&comunicato=14201600000420 

ALCOL E DROGA, UNA GIORNATA DI STUDIO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE

31.3.2016

Esperti a confronto sulla promozione della salute in particolare tra giovani e adolescenti

Il fenomeno della dipendenza da sostanze sta interessando fasce di età sempre più basse, con giovani e adolescenti che rischiano di diventare vittime di alcol e droga, ma anche di un abuso del tabacco. Per questo la prevenzione in famiglia, nelle scuole, nella comunità locale e attraverso i social network è fondamentale per promuovere la salute e combattere le dipendenze. Ad affrontare il tema sarà una rosa di esperti che lunedì 4 aprile in salone consiliare si confronteranno in una giornata di studio dal titolo " Il fenomeno delle dipendenze da sostanze - Azioni di prevenzione e promozione della salute per la comunità", organizzato da Comune di Prato, Asl Toscana centro e Miur. "Da anni il Comune di Prato sta portando avanti la campagna Alcol e responsabilità grazie all'impegno della Polizia municipale, per sensibilizzare i ragazzi delle scuole su un tema delicato come il bere consapevole. Dall'anno scorso abbiamo deciso di tornare nelle scuole a parlare di dipendenza da sostanze tossiche, in particolare di droga - spiega il sindaco Matteo Biffoni -. I dati sul consumo di droghe è allarmante e se da un lato le forze dell'ordine agiscono sulla repressione, dall'altra c'è il dovere da parte della comunità di creare una rete di sostegno e prevenzione per combattere il fenomeno. Questa giornata di studio è importante per un confronto tra esperti e per focalizzare i nuovi mezzi da mettere in campo perché le famiglie, la scuola, la società nel suo insieme possa creare una consapevolezza forte nei nostri giovani". 

 “Il sindaco di Prato ha voluto essere proattivo, sottolinea Lucia Livatino – responsabile Formazione, Promozione e Educazione alla Salute dell’ex ASL 4 - ha istituito una commissione di studio per contrastare i fenomeni di disagio, sofferenza e disorientamento, puntando sulle tante forze positive esistenti nel territorio, mettendole in rete e valorizzando il rapporto consolidato tra le istituzioni. Come sanità siamo coinvolti pienamente per intraprendere un percorso di studio e di azione.”

La giornata di studio si aprirà alle 9 con i saluti istituzionali e sarà suddivisa in tre sessioni. Nella prima si inquadrerà il fenomeno nel suo insieme, dal piano regionale per la prevenzione ai dati toscani sulla tossicodipendenza; nella seconda sessione si affronterà il tema della rete di sostegno e prevenzione nella comunità, in particolare con il coinvolgimento delle scuole. Nel pomeriggio la terza sessione sarà dedicata all'universo giovanile, nuovi modelli coerenti e buone prassi.

 CONSEGUENZE DEL CONSUMO DI VINO, BIRRA ED ALTRI ALCOLICI

 http://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2016/03/30/news/giovane-aggredita-ok-all-arresto-1.13214448 

GIOVANE AGGREDITA, OK ALL’ARRESTO

Dolo. L’autista ucraino si è difeso dicendo di aver bevuto alcol puro ad Arino

30 marzo 2016

DOLO. Alcol puro, bevuto insieme a qualche collega durante la sosta all’autogrill. È quanto ha raccontato il camionista ucraino, che in preda ai fumi dell’alcol il 26 marzo scorso ha aggredito una ventenne, di fronte al giudice per le indagini preliminari Roberta Marchiori. Il camionista ha raccontato, in lacrime, di non ricordarsi praticamente nulla dell’accaduto, ma ha riferito di aver bevuto dell’alcol con alcuni colleghi durante la pausa obbligata ai trasporti pesanti legati alle festività. Data la violenza dell’aggressione il giudice ha convalidato l’arresto dell’autotrasportatore. La sua furia incontrollata si è scatenata attorno alle 16 del 26 marzo vicino alla stazione di Arino Est sull’autostrada A4 Venezia -Milano.

Qui il camionista ucraino di 26 anni ha cominciato a bere e poi si è allontanato a piedi dalla stazione di servizio, raggiungendo il centro della frazione di Arino. Arrivato in via Cazzaghetto ha suonato ai campanelli di diverse palazzine fino a quando una ragazza di circa 20 anni gli ha aperto la porta, credendo fosse suo cugino. A quel punto l’ucraino le è saltato addosso e le ha strappato la collanina che aveva al collo. La giovane ha tentato di divincolarsi e di difendersi, ma l’ucraino in tutta risposta l’ha colpita al volto. Ad accorgersi delle grida per fortuna è stato lo zio della giovane, che abita al piano superiore alla casa in cui è avvenuta l’aggressione. L’uomo intuendo che la nipote era in pericolo ha chiamato immediatamente i carabinieri ed è corso giù a cercare di difenderla. A quel punto l’ucraino ha tentato di scappare dalla palazzina attraverso il cortile del condominio. Appena raggiunta la strada il 25enne ha trovato i carabinieri di Dolo che lo hanno fermato portato in caserma e arrestato in flagranza di reato.

La giovane aggredita ha riportato lesioni guaribili in 5 giorni.

 http://www.leccenews24.it/cronaca/offese-e-violenze-subite-per-anni-finisce-l-incubo-per-una-signora-leccese-e-i-suoi-figli.htm 

OFFESE E VIOLENZE SUBITE PER ANNI, FINISCE L'INCUBO PER UNA SIGNORA LECCESE E I SUOI FIGLI

31/03/2016 | 11:59

Un nuovo caso di violenza all'attenzione della polizia: da anni una donna ha subito le violenze del marito dedito all'alcol e ieri è riuscita a denunciare nuovamente, ponendo fine all'incubo per sè e i propri figli.

Lecce. Nella tarda serata di ieri la Polizia di Stato ha raccolto una nuova denuncia di violenza. E’ infatti giunta al 113 la telefonata di una donna in stato di grande agitazione che chiedeva aiuto. La telefonata è però finita bruscamente, rendendo difficile la localizzazione.

Dopo circa mezz’ora la donna è riuscita a richiamare, riferendo di essere scappata da casa perché il marito ubriaco voleva picchiarla.

La signora, una 34enne di Lecce, è stata così raggiunta da una volante, ed era in compagnia di un ragazzino di 12 anni, in lacrime. Il racconto è stato dettagliato e la 34enne ha riferito dell’ennesima lite violenta con il marito che si era allontanato poco tempo prima a bordo della propria autovettura una Alfa romeo 156.

La donna, poi, ha spiegato che la lite stava degenerando e per questo aveva provato a chiedere aiuto chiamando il 113, ma il marito le aveva sottratto il telefonino rompendolo. Spaventava è riuscita a uscire da casa decisa a recarsi in Questura ed una passante, vedendola piangere, si è fermata per strada fino ad accompagnarla negli uffici di viale Otranto.

È stata pertanto inviata un’altra volante presso la residenza della denunciante dove, dopo alcuni minuti, è sopraggiunto il marito, 43enne leccese, in evidente stato di ebbrezza alcolica in compagnia dell’altro figlio della coppia, di 3 anni, che -a dire dell’uomo- era rimasto in macchina dove si era addormentato durante la lite fra i due. L’uomo ha anche aggiunto di avere intenzione di partire per Milano insieme al piccolo.

Alla presenza dei due coniugi, gli agenti hanno fatto ingresso nell’abitazione familiare, dove è stato trovato il telefonino dal quale la signora aveva effettuato la prima telefonata alla Polizia, con il vetro rotto.

In sede di denuncia la signora ha raccontato dei quotidiani maltrattamenti subiti da lei e dall’altro figlio 12enne nato da una precedente relazione. Una convivenza diventata intollerabile per tutto il nucleo familiare. I rapporti si erano già incrinati dopo la nascita del secondogenito, ma la donna non aveva lasciato il marito per il bene del figlio, subendo ogni tipo di sopruso e violenza, soprattutto a causa dell’alcolismo cui il marito era dedito.

Era vittima delle violenze anche l’altro figlio dodicenne che veniva continuamente offeso e percosso. Alla sera, quando il marito tornava a casa ubriaco, la moglie aveva l’abitudine di uscire ed aspettare fuori dalla porta che gli fosse passata la sbornia proprio per evitare di sottoporre anche i figli ai litigi e alle volenze.

In qualche occasione la signora ha addirittura preferito portare via con sé i figli per timore che venissero picchiati. Più volte anche in passato è stato richiesto l’intervento della Polizia e già in un’altra occasione la donna aveva trovato il coraggio di denunciare i fatti, ma subito dopo, a seguito delle minacce del marito, aveva ritirato la denuncia.

Ieri sera, di fronte all’ennesimo litigio il figlio più grande si è messo a piangere ed era scappato in bicicletta; la donna si è vestita per uscire ed aspettare fuori casa, ma è stata bloccata dal marito che l’ha scaraventata per terra. Successivamente, approfittando di un momento di distrazione, la donna è riuscita ad allontanarsi per chiedere aiuto, invano, dal momento che il marito è riuscito a raggiungerla, sottraendole il telefono e interrompendo la comunicazione con il 113.

A quel punto la donna è uscita in strada seguita dal marito con a bordo dell’auto il figlio più piccolo. Sceso furiosamente dall’autovettura, l’uomo l’ha strattonata per farla entrare in macchina. Fortunatamente una passante che aveva assistito alla scena, le è venuta in soccorso facendola salire a bordo della propria auto per accompagnarla in Questura. Dopo pochi minuti al cospetto degli agenti si è presentato anche il marito.

Da successivi accertamenti è stato appurato – dando ulteriore fondatezza alle dichiarazioni della denunciante - che la donna aveva in passato sporto altre due denunce contro il marito, nel 2010 e nel 2015, e quest’ultima denuncia era stata ritirata.

Oggi, il 43enne è stato arrestato per maltrattamenti verso i familiari.

 http://online.ilmattino.it/salerno/rissa_di_pasquetta-1639287.html 

TROPPO ALCOL, AD EBOLI LA PASQUETTA DI UNA BANDA DI GIOVANI FINISCE A COLTELLATE

di Francesco Faenza

Mercoledì 30 Marzo 2016, 13:31

Eboli. Vino, superalcolici e brindisi infiniti. Inevitabile, nella serata di pasquetta, la lite tra giovani trentenni. L'episodio di violenza è accaduto nel centro storico. Il bilancio finale è di un ragazzo ferito, ricoverato in ospedale con un taglio alla schiena e una lesione dietro l'orecchio. Il giovane pregiudicato è stato medicato al pronto soccorso. L'alibi della caduta accidentale non è credibile. Tra piazza Pendino e corso Garibaldi, molti testimoni hanno sentito le urla e le botte da orbi.