Rassegna del 11 Febbraio 2016

A cura di Alessandro Sbarbada, Guido Dellagiacoma, Roberto Argenta

  UNA WEBSERIE SUGLI STILI DI VITA

PER VEDERE IL VIDEO ANDARE AL SEGUENTE LINK:

http://video.repubblica.it/rubriche/sapermangiare/sapermangiare-vino-rosso-fa-buon-sangue-i-falsi-miti-sull-alcol/228145/227436 

SAPERMANGIARE - "VINO ROSSO FA BUON SANGUE?": I FALSI MITI SULL'ALCOL

11 FEBBRAIO 2016

"Sapermangiare" è la webserie che insegna a mangiar bene. I protagonisti sono Aristide, il nutrizionista rilassato; Francesca, la zumbatrice carnivora; Luna, l'adolescente ribelle; Fabio, il fisioterapista igienista; Anna, la manager rampante; Tommaso, il piccolo golosone e Gino, il nonno country. Ognuno ha un avatar dal carattere opposto - invisibile agli altri - che aiuta a scoprire qualcosa di vero e di utile su alimentazione e stile di vita.

Una serie realizzata dal Crea, il più importante ente italiano di ricerca agroalimentare, con il suo Centro Alimenti e Nutrizione, e prodotta da Scirocco Cinematografica per la regia di Marcello Di Noto. Capo progetto Andrea Ghiselli, responsabile scientifico Laura Gennaro, responsabile comunicazione Cristina Giannetti, responsabile esecutivo Laura Rossi. Fotografia di Alessandro Gugliara e Giuseppe Pignone, scenografie e costumi di Nadia Frezza

Leggi su Repubblica.it

 CON LA METODOLOGIA IDEATA DA VLADIMIR HUDOLIN SI PUO’ CAMBIARE LA PROPRIA VITA 

 http://www.diregiovani.it/comunica/alcol-cogli-i-segnali/ 

QUANDO L’ALCOL DIVENTA UN PROBLEMA

11 febbraio 2016

Se conosci qualcuno che ha problemi di alcol, incoraggialo a smettere di bere o a farsi aiutare.

Se sei tu a bere: se hai meno di 18 anni la scelta migliore è di non bere!

Se hai un’età compresa tra i 18 e 20 anni e scegli o ti capita di bere, fallo con moderazione e non superare mai la quantità di un drink al giorno.

Se scegli di bere ricordati di evitare di bere alcolici a stomaco vuoto, lontano dai pasti e considera che ogni bicchiere richiede circa due ore per essere smaltito: ricordalo se devi guidare. Non rischiare mai!

Se pensi di avere la necessità di essere aiutato a smettere di bere, fai il primo passo e parlane con qualcuno: non è mai troppo tardi. Parlane con il tuo medico, con uno psicologo, con un insegnante, con i tuoi genitori; parlane con un adulto di cui ti fidi e non rimandare.

Come capire se un amico ha un problema causato dall’alcol:

alcune volte è difficile capirlo, ma ci sono dei segnali che ti possono guidare. Se il tuo amico manifesta uno o più dei seguenti segnali di pericolo, è probabile che lui o lei abbia un problema causato dal bere:

Si ubriaca regolarmente 

Mente sulla quantità di alcol che consuma 

Crede che l’alcol sia indispensabile per divertirsi 

Ha frequenti episodi confusionali 

Si sente giù, è depresso o addirittura ha istinti suicidi o violenti 

Ha episodi di perdita di coscienza o non riesce a ricordare ciò che ha fatto sotto l’effetto di alcol

Dimostra di essere un vero amico. Puoi addirittura salvare una vita. Incoraggia il tuo amico a smettere di bere oppure a cercare l’aiuto di un medico, di uno psicologo o dei servizi sanitari. Ricorda che è attivo il servizio gratuito e anonimo: Telefono Verde Alcol 800 63 2000

 INIZIATIVE DI INFORMAZIONE E PREVENZIONE NON SEMPRE IN SINTONIA CON LA PREVENZIONE E PROMOZIONE DELLA SALUTE!

 http://www.liceoeinstein.it/alcol-e-giovani-tra-vecchi-e-nuovi-comportamenti-a-rischio-e-gli-adulti-cosa-fanno/ 

“ALCOL E GIOVANI TRA VECCHI E NUOVI COMPORTAMENTI A RISCHIO: E GLI ADULTI COSA FANNO?”

Pubblicato il 5 Feb 16 alle 9:12 am · Contenuto in: Genitori, News, Studenti - Tag: alcol incontro Scafato

Incontro per studenti e genitori Sabato 27 Febbraio alle ore 15, presso l’Aula Magna del Liceo Einstein. Interverrà il Prof. Emanuele Scafato, dell’Istituto Superiore di Sanità. Leggi il programma e le modalità di partecipazione. (vai al sito del Liceo)

Nell’ambito della campagna di comunicazione “Non perderti in un bicchiere” del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, il Liceo Einstein si apre al dibattito promuovendo un incontro per studenti e genitori nella giornata di Sabato 27 Febbraio alle ore 15 , presso l’Aula Magna del Liceo.

Interverrà il Prof. Emanuele Scafato, dell’Istituto Superiore di Sanità, Direttore Reparto Salute della Popolazione e suoi Determinati, Direttore Osservatorio Nazionale Alcol, Direttore Centro OMS per la ricerca dell’alcol e la promozione della salute, Presidente SIA, Società Italiana Alcologia e Vice presidente EUFAS Federazione Europea Società Scientifiche Dipendenze, sul tema:

“I giovani e l’alcol tra vecchi e nuovi comportamenti a rischio.

Quello che si sa ma non si dice, quello che si dice e non si fa e alcune «dritte» per cavarsela…”

A seguire un momento di discussione e interazione con studenti e genitori sulla percezione del problema e quindi gli interventi della Dr.ssa Daniela Casalboni, Direttore U.O. Servizio e recupero Tossicodipendenze Sede di Rimini, AUSL Romagna e della Dr.ssa Chiara Pesci, Dirigente Medico Tossicologo, U.O. Pronto Soccorso e Medicina D’Urgenza, Dipartimento di Emergenza – Urgenza, Presidio Ospedaliero di Rimini, AUSL Romagna, sui temi:

“Aggiornamento sulle campagne di informazione e strategie preventive nella Provincia di Rimini”

“Il primo intervento nei casi di etilismo acuto e di intossicazione da abuso di sostanze non terapeutiche: effetti collaterali ed operatività del Pronto Soccorso”

Per informazioni e partecipazione:

Dr. Franco Monti, Presidente Consiglio di Istituto, Liceo A. Einstein

Tel 3383756729 ore 8.00-20.00, francono5@yahoo.it 

 http://www.pescaranews.net/notizie/attualita/12183/la-prevenzione-come-arma-per-evitare-labuso-di-alcool 

LA PREVENZIONE COME ARMA PER EVITARE L'ABUSO DI ALCOOL

La Polizia municipale informa i cittadini sui rischi connessi ad alcool e guida in stato di ebbrezza

Pubblicato il: 10/02/2016, 19:51 | di Sara Gerardi | Categoria: Attualità

Il servizio di Sicurezza stradale della Polizia municipale di Pescara, domani sera, alle 21:30, sarà presente in un circolo di via Piave per informare la cittadinanza circa gli effetti dannosi dell'alcool e per effettuare la misura del tasso alcolemico prima di mettersi alla guida di un'automobile.. 

"Rendiamo nota la notizia in quanto per la Polizia municipale si tratta della prima uscita su richiesta, a cui auspichiamo ne seguiranno altre. - spiega il sindaco Marco Alessandrini- Uno degli esercenti che opera nella zona ha infatti chiesto alla squadra che si occupa della prevenzione, oltre che dei controlli sulla strada, di illustrare anche gli effetti che produce l'assunzione di alcol, nonchè i rischi collegati alla guida in stato di ebbrezza.

L'incontro - spiega Alessandrini - fa da cornice ad un evento di enologia del circolo che, oltre a soddisfare i propri clienti con la qualità dei vini offerti, li invita allo stesso tempo ad consumo ragionevole di questi ultimi.(*) Per l'amministrazione pescarese è sicuramente un esempio da seguire.

Colgo l'occasione - continua il primo cittadino - per informare gli esercenti sulla disponibilità della stessa Polizia municipale a disputare nuovamente simili incontri nei diversi locali della città, anche al fine di evitare incidenti e sanzioni che potrebbero derivare dalla violazione delle regole sull'alcool"

 (*)NOTA: non esiste un consumo “ragionevole” di una sostanza cancerogena!

 http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2016/02/10/news/va-in-scena-la-campagna-contro-l-alcol-1.12937609 

VA IN SCENA LA CAMPAGNA CONTRO L’ALCOL(*)

TORTONA. Seconda tappa del progetto “Etica, sport e teatro”, ideato dalla compagnia Coltelleria Einstein con il contributo della Fondazione Cra , in collaborazione con Associazione Coppi e Pallamano...

10 febbraio 2016

TORTONA. Seconda tappa del progetto “Etica, sport e teatro”, ideato dalla compagnia Coltelleria Einstein con il contributo della Fondazione Cra , in collaborazione con Associazione Coppi e Pallamano Derthona.

Il progetto è al terzo anno e comprende alcuni spettacoli sullo sport, un concorso e conferenze spettacolo con gli studenti tra scienza, letteratura e esperienza su temi come etilismo, fumo, sedentarietà, doping.

Venerdì alle 9 e alle 11, nell'ambito della rassegna Teatro Giovani, promossa dall'assessorato alla cultura del Comune di Tortona con contributo della Regione Piemonte e diretta artisticamente dalla stessa Coltelleria Einstein, va in scena uno spettacolo dedicato alle scuole superiori: “Giovani spiriti”, della compagnia Pkd di Piacenza, sul tema del consumo e abuso di sostanze alcoliche tra i giovani.

«L’abuso si ferma con il controllo e il controllo si ottiene con l’informazione. Ecco quindi l’uso del teatro come strumento per informare gli adolescenti utilizzando un linguaggio vicino al loro, con l’obiettivo di educare i giovanissimi, attraverso informazioni chiare e semplici, ad un uso limitato e corretto delle bevande alcoliche,(**) cercando di formare in loro uno sguardo critico in grado di vedere oltre il facile divertimento e il messaggio di falsa felicità che l’intensa propaganda mass-mediatica del mondo della pubblicità propone», spiegano

gli organizzatori, Donata Boggio Sola e Giorgio Boccassi.

Il messaggio viene indirizzato ai giovani attraverso un’iniziativa che lega scuola e spettacolo per avvicinare gli studenti ad un approccio critico e consapevole nell’uso di sostanze che possono dare dipendenza.(st.br.)

 (*) NOTA: come si può chiamarla campagna contro l’alcol quando l’ obbiettivo è EDUCARE i GIOVANISSIMI al consumo di bevande alcoliche?

 (**)NOTA: non si può educare i giovanissimi ad un uso corretto e limitato di una sostanza cancerogena!

Sarebbe ora di parlare chiaro e avvertire i giovani che le bevande alcoliche contengono una sostanza velenosa e che ogni consumo è un rischio per la salute!!!

 http://corrieredellumbria.corr.it/news/attualita/212430/I-dj-spiegano-come-divertirsi-senza.html 

I DJ SPIEGANO COME DIVERTIRSI SENZA DROGHE E ALCOL

10/Febbraio/2016 - 12:59

Giovani dj che mostrano ai giovani come ci si possa divertire senza ricorrere ad alcool e droghe. Fabien Pizar, Edoardo Croci e Leonardo Straffi sono i tre testimonial di “Meraviglioso”, il progetto dell’Accademia Pietro Vannucci finalizzato alla promozione di un atteggiamento positivo nei confronti della vita. Saranno questi giovani dj, di origini umbre, a “metterci la faccia”, domenica 14 febbraio nella Chiesa Sant’Agostino di Città della Pieve, dando vita ad un pomeriggio di “sano divertimento”, nel corso del quale i giovani potranno divertirsi senza sconfinare nello “sballo”.

 LA TESTIMONIANZA DI UNO STUDENTE

 http://scuola.repubblica.it/lazio-roma-icpaoloborsellino/2016/02/11/gruppi-e-divertimento-contro-fumo-alcol-e-droghe/ 

GRUPPI E DIVERTIMENTO CONTRO FUMO, ALCOL E DROGHE

di valegian (Medie Inferiori) scritto il 11.02.16

Unplugged è un cammino che percorriamo insieme alunni e professori per conoscere la pericolosità delle droghe, del fumo e dell’alcol e di altre dipendenze: è un progetto che alla nostra classe piace molto perché si può imparare divertendosi. 

Unplugged è veramente bello perché ci fa capire cosa è giusto e cosa è sbagliato, ci fa molto riflettere su ciò che facciamo e sulle nostre attitudini e comportamenti, ci aiuta a confrontarci a vicenda. In questo progetto il divertimento non manca mai, poiché svolgiamo tante attività individuali e a gruppi e talvolta c’è della sana competizione. Tra i tanti laboratori per gruppi, molto significativa è stato quello delle “statue viventi”. Ad ogni gruppo era affidata dai professori un’emozione da rappresentare, ad un ragazzo era assegnato il ruolo di uno “scultore” che doveva modellare i movimenti, il corpo e le espressioni della faccia dei compagni di gruppo. Le emozioni erano come quelle del film “Inside Out”: gioia, tristezza, disgusto, rabbia e paura. Per quanto abbiamo riso è stato difficile svolgere questo compito, infatti molti si vergognavano! Un’altra delle spassose attività svolte ci ha fatto capire che pur di entrare a far parte di un certo gruppo “codificato” che ci piace, a volte noi ragazzi tendiamo a cambiare atteggiamento e modo di comportarci senza neanche rendercene conto!

Non mancano neanche i momenti di riflessione in cui ognuno di noi ha potuto esprimere le proprie opinioni discutendo su vari temi. 

Unplugged da alcuni potrebbe essere considerato una ‘perdita di tempo’ ma per la nostra classe è un momento in cui possiamo confrontarci e crescere insieme. Unplugged è un’attività che rimarrà per sempre nei nostri ricordi perché terremo con noi tutte le cose che abbiamo imparato.

 ALCUNE RICERCHE SUL CONSUMO DI BEVANDE ALCOLICHE 

 http://newscronaca.it/7841-bere-alcolici-ogni-giorno-fa-male-alla-salute-aumenta-il-rischio-di-cancro-al-seno/ 

BERE ALCOLICI OGNI GIORNO FA MALE ALLA SALUTE: AUMENTA IL RISCHIO DI CANCRO AL SENO

Salute e Benessere

Feb 10, 2016 

Molte persone si concedono volentieri almeno un bicchiere di vino al giorno. Gli esperti hanno sempre rivelato che il vino facesse bene alla salute se bevuto in piccola quantità. Invece, studi recenti rivelano potrebbe rivelarsi molto pericolosa. Secondo una ricerca americana, bere anche solo un bicchiere di vino al giorno potrebbe aumentare del 15% il rischio di andare incontro ad un tumore al seno. L’allarme quindi è rivolto soprattutto alle donne.

La ricerca è stata condotta dalla l’Harvard TH Chan School of Public Health a Boston, in Massachusetts, ed è stato pubblicata dal British Medical Journal. In pratica, secondo questa ricerca a rischiare di più sono le persone che hanno già in famiglia persone che soffrono o hanno sofferto di questa malattia.

Proprio per questo gli esperti invitano le donne a rischio maggiore di limitare il consumo di alcol per salvaguardare la propria salute.

L’ARTICOLO ORIGINALE LO TROVERETE AL SOTTOSTANTE LINK

http://www.cufrad.it/news.php?id_news=23713&dataMail=20160210 

IL RUOLO DELLE POLITICHE SULL'ALCOL NELLA PREVENZIONE DELLE VIOLENZE SESSUALI: UNO STUDIO CANADESE

Fonte: Acip.ca

THE ROLE OF ALCOHOL POLICY IN SEXUAL VIOLENCE PREVENTION

Sexual violence is a widespread problem in Canada that has significant impact on individuals, families, communities, public institutions, and society in general. The World Health Organization defines sexual violence as “any sexual act, attempt to obtain a sexual act, unwanted sexual comments or advances, or acts to traffic, or otherwise directed against a person's sexuality using coercion, by any person regardless of relationship to the victim, in any setting including but not limited to home and work.

 (...omissis...)

 (Articolo pubblicato dal CUFRAD sul sito www.alcolnews.it)

 GUIDA IN STATO DI EBBREZZA

 http://milano.fanpage.it/drogato-e-ubriaco-investi-e-uccise-una-bimba-di-8-anni-preso-in-irlanda-dopo-essere-evaso/ 

DROGATO E UBRIACO INVESTÌ E UCCISE UNA BIMBA DI 8 ANNI: PRESO IN IRLANDA DOPO ESSERE EVASO

11 FEBBRAIO 2016 

di Francesco Loiacono

I carabinieri di Monza hanno arrestato in Irlanda un romeno di 23 anni. Si tratta del ragazzo che nel dicembre 2013 investì e uccise sotto l'effetto di droga e alcol la piccola Stella Manzi, di 8 anni, ad Aprilia (Latina). Il 23enne era stato condannato ai domiciliari a Desio, in Brianza, ma era evaso dal novembre 2014.

L'operazione dei carabinieri del Nucleo investigativo di Monza si chiama "Giustizia". Ed è effettivamente quella che la famiglia di Stella Manzi, bambina di 8 anni uccisa da un pirata della strada il 26 dicembre 2013 ad Aprilia (Latina), potranno dire finalmente di avere avuto. I militari brianzoli hanno infatti arrestato il responsabile di quell'incidente, che era stato preso già allora ma dal novembre 2014 era evaso dai domiciliari a Desio (Monza e Brianza) e aveva fatto perdere le proprie tracce. Per arrestarlo i carabinieri sono andati fino in Irlanda, per la precisione in un sobborgo di Dublino, Blanchardstown. Lì l'uomo, un 23enne romeno, si nascondeva presso alcuni connazionali. A tradirlo è stato l'utilizzo di Facebook, che il 23enne usava con un profilo falso che i militari sono riusciti a rintracciare e ricondurre a lui.

Il 23enne era stato condannato per omicidio colposo. L'incidente era avvenuto anche a causa della droga e dell'alcol che il giovane aveva assunto prima di mettersi alla guida di una Ford Ka che, comunque, non avrebbe potuto guidare: il ragazzo non aveva infatti mai preso la patente. Condannato a contare la pena agli arresti domiciliari presso l'abitazione della madre a Desio, in Brianza, era evaso il 10 novembre del 2014. Ieri, finalmente, dopo lunghe indagini è stato arrestato dai carabinieri.

 http://www.piacenzasera.it/piacenza/condanna-guida-stato-ebbrezza-30enne-finisce-carcere.jspurl?id_prodotto=65320&IdC=1093&IdS=1093&tipo_padre=0&tipo_cliccato=0 

CONDANNA PER GUIDA IN STATO DI EBBREZZA, 30ENNE FINISCE IN CARCERE

10 febbraio 2016

Condannato dal Tribunale a una pena di quattro mesi per guida in stato di ebbrezza, non ha mai presentato istanza per una pena alternativa, come l'affidamento in prova ai servizi sociali, e per lui si sono aperte le porte del carcere.

Protagonista della vicenda un cittadino rumeno di 34 anni, incappato in un controllo in via Trebbia a Piacenza.

La polizia lo ha fermato mentre viaggiava a bordo di un furgone: da una verifica con la centrale operativa, è emerso che il giovane doveva scontare quattro mesi per essere stato sorpreso alla guida con un tasso alcolico superiore al limite di legge.

Una condanna emessa dal Tribunale, con pena sospesa: il 33enne non ha però mai presentato alcuna istanza per una pena alternativa. Al termine degli accertamenti è così stato accompagnato al carcere delle Novate.

 http://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2016/02/10/news/alla-guida-ubriachi-due-donne-e-un-uomo-fanno-il-record-1.12935599 

ALLA GUIDA UBRIACHI DUE DONNE E UN UOMO FANNO IL RECORD

Pizzicati in sette dai carabinieri, i tre avevano un tasso alcolico superiore di oltre tre volte al consentito per legge

di Gianni Biasetto

10 febbraio 2016

ABANO. Il record spetta a M.G., un trentenne che è stato fermato in via Roma, in pieno centro a Montegrotto, con un tasso alcolico di 2.04. Ma nella speciale classifica di chi è stato pizzicato lo scorso fine settimana dai carabinieri del Nucleo Radiomobile di Abano alla guida in stato di ebbrezza, subito dopo vengono due donne: G.D., di 43 anni, controllata sulle strade di Monselice con una percentuale di alcool nel sangue di 1,54 e la trentacinquenne M.P., pizzicata alla guida della sua utilitaria sulla statale Adriatica, nel territorio del Comune di Due Carrare, con un tasso di 1,81.

Per il terzetto che era al volante in stato di ebbrezza sono scattati il ritiro immediato della patente di guida, il sequestro del veicolo e la denuncia penale. Ora per riavere la riabilitazione alla guida per queste persone inizia un percorso piuttosto difficile e tortuoso, fatto di svariati controlli sanitari presso la Commissione medica provinciale di Padova.

Tra il 6 e l’8 febbraio i militari dell’Arma del Comando di compagnia di viale delle Terme durante i controlli serali sulle strade di Abano, Montegrotto, Monselice, Tribano, Due Carrare e Teolo, mirati a perseguire chi si mette alla guida dopo aver bevuto alcolici, hanno ritirato in tutto sette patenti. Oltre al terzetto con valori oltre 1,50, gli altri quattro guidatori avevano un tasso variabile tra lo 0,90 del cinquantanovenne O.P. di Teolo e l’1,28 di un automobilista di Tribano.

Quello che fa sensazione ed è per certi versi un’anomalia, sono le due donne che guidavano con valori ben oltre tre volte la percentuale consentita dalla legge che, com’è noto, è dello 0,50. A quanto pare le automobiliste in stato di ebbrezza erano state entrambe a una festa di Carnevale. Non è comunque la prima volta che nella rete dei controlli messi in atto dagli uomini dell’Arma nella zona termale e dintorni finiscono alcune giovani signore. Almeno in questo caso si può dire che esiste la parità di genere.

 http://www.teleclubitalia.it/ubriachi-stesi-per-terra-in-strada-dopo-una-settimana-ecco-la-verita/1227068/ 

UBRIACHI STESI PER TERRA IN STRADA. DOPO UNA SETTIMANA ECCO LA VERITÀ

febbraio 10 2016

di Redazione

Ve li ricordate i due svenuti sull’asfalto? Ecco la verità. Avevano provocato un incidente e dopo si erano stessi al suolo ubriachi fradici. In manette ci sono finiti il polacco Alfred Janusz Kowalczyk di 40 anni che due giorni fa era alla guida di una Alfa 156 e A. G., 43enne anche lui della Polonia. I due avevano preso in pieno una smart in via Madonna del Pantano.

Le indagini hanno rivelato che il 40enne era ricercato dall’Interpol per furto, maltrattamenti in famiglia e altri reati. Dopo averli individuati i vigili urbani li hanno condotti presso il Commissariato di polizia di Giugliano dove sono stati riconosciuti tramite le impronte digitali.

Per il quarantenne si sono aperte le porte del carcere di Poggioreale e a breve verrà estradato in Polonia, mentre il 43enne è stato denunciato a piede libero per guida in stato di ebbrezza.

 http://www.ilmessaggero.it/roma/metropoli/albano_ubriachi_dopo_la_festa_si_schiantano_contro_un_auto_davanti_sede_polizia_stradale-1541736.html 

ALBANO, UBRIACHI DOPO LA FESTA SI SCHIANTANO CONTRO UN'AUTO DAVANTI ALLA SEDE DELLA POLIZIA STRADALE

10 febbraio 2016

 Tornano da una festa di carnevale e intorno alle 5 del mattino provocano un grave incidente davanti alla sede della polizia stradale sulla via Appia ad Albano. E' accaduto alle prime ore dell'alba a due ragazzi di Ariccia, a bordo di una Citroen Saxo, mentre procedevano in direzione Ariccia, hanno sbandato e invadendo la corsia opposta sono finiti contro una autovettura Fiat Punto e un autocarro Iveco che provenivano dal senso opposto, danneggiando anche una macchina parcheggiata.

I due ragazzi di 29 e 28 anni sono stati trasportati in ospedale ad Albano, dove sono tuttora ricoverati. Il guidatore è risultato positivo all'esame dell'alcol test, per lui ora scatta una pesante denuncia penale per guida in stato di ebbrezza, il mezzo verrà posto sotto sequestro e la patente di guida ritirata. Gli occupanti delle altre auto coinvolte, due cittadini romeni trentenni che andavano al lavoro e un autotrasportatore di Velletri di 48 anni, sono rimasti leggermente contusi. Sul posto sono subito intervenuti gli agenti della polstrada, che hanno sentito dalla loro sede il tremendo urto e sono scesi immediatamente in strada a dare soccorso agli occupanti.

 http://www.reggiosera.it/2016/02/novellara-ubriaco-provoca-incidente-con-tre-feriti/11521/ 

NOVELLARA, UBRIACO PROVOCA INCIDENTE CON TRE FERITI

10 febbraio 2016

Un uomo di 62 anni, ubriaco, ha perso il controllo dell'autocarro che stava guidando, a Novellara, e ha tamponato un veicolo che lo precedeva provocando uno scontro frontale con un altro mezzo

NOVELLARA (Reggio Emilia) – Un uomo di 62 anni, ubriaco, ha perso il controllo dell’autocarro che stava guidando, a Novellara, e ha tamponato un veicolo che lo precedeva provocando uno scontro frontale con un altro mezzo. E’ successo ieri sera verso le 18 lungo la strada provinciale 5.

Il conducente di una Fiat Punto, dopo essersi fermato al centro della strada, in attesa di poter svoltare alla propria sinistra all’interno di un cortile privato, è stato tampontato dal Fiat Fiorino condotto dal 62enne. L’auto, in seguito all’urto, è stata sospinta in avanti nella corsia opposta e si è scontrata frontalmente contro un’altra Fiat Punto condotta da una ragazza di 25 anni, che stava sopraggiungendo dalla parte opposta nella corsia verso Novellara.

Le tre persone ferite nell’incidente, compreso il conducente del Fiorino, sono state portate all’ospedale di Guastalla, ma le loro ferite non destano preoccupazione.

Il 62enne è risultato positivo all’alcol test e gli è stata immediatamente ritirata la patente di guida per la prevista sospensione, oltre ad essere denunciato per il reato di guida in stato di ebbrezza.

 SISTEMA “PASSI”: ALCUNI DATI DAL TRENTINO

 https://www.ladige.it/news/cronaca/2016/02/08/sono-sempre-pi-trentini-che-guidano-dopo-aver-bevuto-sostanze-alcoliche 

IN AUMENTO I TRENTINI CHE GUIDANO DOPO AVER BEVUTO SOSTANZE ALCOLICHE

Lun, 08/02/2016 - 19:06

Dal sistema di monitoraggio "Passi" (Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia) relativo ai comportamenti legati alla salute, emerge che tra la popolazione adulta trentina di età compresa fra i 18 e i 69 anni, nel periodo 2008-2014, su 4.971 intervistati il 10% dei guidatori dichiara di aver condotto il proprio mezzo sotto l'effetto dell'alcol, ossia dopo aver bevuto nell'ora precedente almeno due unità di bevande alcoliche, e il 7% dice di aver viaggiato con persone che guidavano sotto l'effetto dell'alcol. A rendere noto il dato è l'assessore alla salute Luca Zeni nella sua risposta a un'interrogazione del consigliere provinciale Giacomo Bezzi (Fi).

La guida sotto l'effetto dell'alcol, prosegue Zeni, è un comportamento più diffuso tra gli uomini (3% delle donne vs 14% degli uomini), tra i più anziani (4,5% nelle persone di 18-24 anni contro il 12% di persone di 25-34 anni, 9% 35-49 anni e 12% 50-69 anni), tra i cittadini italiani (2% tra gli stranieri contro il 10% di italiani), tra le persone con basso livello di istruzione (7% tra i laureati rispetto al 16% con nessun titolo/elementare).

Sempre per rispondere a Bezzi, l'assessore Zeni rivela che il 43% dei guidatori ha avuto controlli da parte delle forze dell'ordine durante l'ultimo anno (precedente al momento dell'intervista). I controlli con etilotest avvengono nel 13% dei casi, con una maggiore propensione a sottoporre a questa verifica gli uomini (17% contro il 6% delle donne) e i più giovani (19% dei 18-34enni contro il 10% degli ultra 34enni).